Ufficiale: Andrea Iannone ha detto sì all'Aprilia per le prossime due stagioni

MotoGp Iannone all'Aprilia ora è ufficiale

"Dato che la stagione 2018 è ancora in corso, il Team e l'azienda continueranno con il loro supporto incondizionato ad Andrea, sperando in anche in migliori risultati nelle gare rimanente", si trova ancora scritto.

Andrea Iannone è pronto a cambiare team dal prossimo anno. Albisano ( manager Aprilia racing): "Arriva un pilota di talento e veloce come sta dimostrando in questa stagione". Intanto, in Suzuki già fervono i lavori per trovare il sostituto di Iannone, chi affiancherà, nella stagione 2019/2020, Alex Rins a bordo della Suzuki GSX-RR?

Quelle di Fausto Gresini: "Quello tra Iannone e Aprilia sarà un gran bel connubio, uno dei più interessanti della MotoGP e potrà portare grandi risultati". La scelta di Iannone è la conferma di Aprilia di voler continuare a crescere sia da un punto di vista tecnico che sul piano della competitività dei piloti. Andrea è un pilota forte, veloce e concreto.

Prende dunque sempre più forma la griglia di partenza della prossima stagione, e in particolare, per Aprilia Racing l'ingaggio di Iannone aggiunge un elemento importante di crescita al suo ambizioso progetto - il più giovane della MotoGP - condotto da un reparto corse molto giovane ma esperto e talentuoso, punta tecnologica avanzata ed espressione di un grande gruppo industriale totalmente italiano.

In Moto Gp dal 2013, dopo essersi messo in mostra in 125 e Moto2 raccogliendo un totale di 12 vittorie e 12 piazzamenti a podio, il vastese vanta in top class un palmares di una vittoria, 8 podi e 2 pole position. "E poi un pilota tricolore su moto italiana fa sognare il pubblico di tifosi". "Benvenuto Andrea, facci divertire!" ha concluso Gresini. Sono esperti, veloci e hanno forti legami con un progetto elettrizzante che non è solo un progetto sportivo, ma anche tecnico, che contribuirà allo sviluppo dell'intera gamma Aprilia, in pista e su strada.

"Ora, però, siamo concentrati su questa stagione con Aleix e Scott e vogliamo lavorare ancora per crescere e riportare la moto dove merita".

Correlati:

Commenti


Altre notizie