In Cina unità all' 'anti-G7': Putin e Xi-Jinping alla guida del blocco

Sco,

Quando ieri il presidente americano Donald Trump ha proposto di ritornare al formato G8, reintegrando la Russia, e il Cremlino ha replicato che Mosca si sta concentrando su "altri formati", il riferimento è sembrato proprio alla Shanghai Cooperation Organization, oltre al G20. La Sco, costituita nel 2001, comprende Russia, Cina, Kazakhstan, Kirghizistan, Tagikistan, Uzbekistan, Pakistan e India come membri permanenti.

Progetti di crescente integrazione.

Nelle intenzioni dei cinesi il summit è incentrato sulla cooperazione regionale, sugli scambi commerciali, sulla sicurezza e sulla stabilità.

Sco,

Ma Qingdao, sulla costa nordorientale della Cina e a sud-est della Capitale, rappresenta il simbolo della stessa Belt and Road Iniziative (Bri), l'iniziativa della Nuova Via della Seta.

Il segretario generale della Sco, Rashid Alimov, ha confermato che l'iniziativa cinese è un'enorme opportunità per la Sco, e che il summit di Qingdao contribuirà ad implementare la Bri.

Il leader cinese Xi Jinping ha consegnato al presidente della Russia Vladimir Putin l'Ordine d'Amicizia della Repubblica popolare cinese e ha sottolineato che il presidente della Russia è "pienamente degno di questo premio". Gli obiettivi chiave dell'organizzazione comprendono la cooperazione nell'area della sicurezza internazionale e dell'antiterrorismo. Grazie proprio alla grande attenzione e alla promozione portata avanti di persona da Putin da anni, le relazioni sino-russe hanno resistito alle dure prove internazionali, la fiducia reciproca politica e strategica è stata continuamente approfondita, la cooperazione concreta nei vari settori ha visto un buono sviluppo e l'amicizia tra i due popoli un continuo approfondimento. La strategia del 2025 indica che la Sco deve sviluppare una competenza pari tra i paesi membri, eguaglianza, rispetto per le diversità culturali ed un comune sviluppo economico.

Correlati:

Commenti


Altre notizie