Colpo di scena al G7, il "dietrofront" di Donald Trump

Leah Millis  Reuters

Dopo la pubblicazione del compromesso finale, sottoscritto anche dagli Stati Uniti per la parte riguardante il commercio, il presidente Donald Trump ha fatto sapere che Washington ora si dissocia dal documento. Tornando sulla questione dei dazi commerciali che contrappone sempre di più il suo Paese a quelli dell'Ue, è tornato a dire prima di lasciare il G7: "Gli Usa sono stati trattati ingiustamente sul commercio".

Sulla posizione di Conte si è espresso anche il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker: "Non abbiamo parlato in particolare della Russia" ma l'Italia ricopre "un ruolo fondamentale per l'Europa. Posso anticiparvi che abbiamo raggiunto un accordo e abbiamo tutti convenuto che il sistema del commercio internazionale basato sul Wto è un po' datato, richiede un adeguamento alle realtà sociali ed economiche", ha spiegato Conte. Attraverso Twitter, il Capo della Casa Bianca ha duramente attaccato il premier canadese Justin Trudeau, definendolo "debole e disonesto" per alcune parole pronunciate nella conferenza stampa di fine summit. "L'Italia adesso valuterà le posizioni che emergeranno, deve ancora iniziare il G7".

"Uno dei temi che è stato discusso è stata la Russia". Rispondendo poi alle domande di giornalisti, ha sottolineato che gli "basterà un minuto per capire se Kim è serio sulla pace", altrimenti "non perderò il mio tempo". Juncker ha incontrato il presidente del Consiglio: "Ho avuto un buon colloquio con Conte, lo rivedrò prima del vertice, parleremo con lui di immigrazione e budget europeo".

"Non possiamo perdere": così Donald Trump ha risposto a chi gli chiedeva se temesse rappresaglie per i dazi e una guerra commerciale a livello mondiale. Un altro imitatore del dittatore nordcoreano, l'australiano Howard X, ha detto di essere stato trattenuto dalla polizia perché arrivato a Singapore per la seconda volta in due settimane; la polizia lo ha lasciato andare dopo avergli detto di tenersi lontano da Sentosa. Nel bilaterale mi ha chiesto dettagli sulla formazione del governo. "Finora quindi tutto bene - ha aggiunto - vedremo quello che succederà, e lo vedremo molto presto".

Correlati:

Commenti


Altre notizie