Spezia-Parma, la difesa dei ducali: "Sms senza irregolarità o malizia"

La Procura Federale indaga su Spezia-Parma

La Procura federale ha aperto un ampio fascicolo su segnalazione di due giocatori dei liguri, Filippo De Col ed Alberto Masi, che avrebbero denunciato alcuni sms ricevuti da due colleghi dellla squadra emiliana nei giorni prima del match. L'articolo 7 del codice di giustizia sportiva della Figc definisce, infatti, così la categoria dell'illecito sportivo: "Il compimento, con qualsiasi mezzo, di atti diretti ad alterare lo svolgimento o il risultato di una gara o di una competizione ovvero ad assicurare a chiunque un vantaggio in classifica costituisce illecito sportivo".

Lo 0-2 era maturato con i gol di Ceravolo e Ciciretti, alla seconda promozione di fila visto che i due un anno fa arrivarono in Serie A con la maglia del Benevento. Il Parma poi ha vinto meritatamente sul campo, agevolato anche dal rigore sbagliato sullo 0-1 dal grande ex Gilardino, poi contestato dai tifosi insieme al resto dei compagni. Erano stati proprio i due calciatori a denunciare l'accaduto agli ispettori della Procura per evitare di incorrere nell'omessa denuncia. Evitando di rispondere ai messaggi, ma evidentemente dandogli un peso. Venerdì pomeriggio a Roma, Calaiò e Ceravolo sono stati ascoltati dalla Procura federale: "Il tenore dei messaggi non contiene alcun tipo di irregolarità o malizia, come già chiarito dai nostri tesserati e come siamo certi verrà accertato anche dagli organi preposti", scrive il Parma Calcio in un lungo comunicato. Sulla vicenda vige il massimo riserbo, trattandosi di materia estremamente delicata; il confine tra l'archiviazione e l'apertura di un vero e proprio fascicolo, con la conseguente ipotesi del deferimento dei tesserati e dei club è molto labile. Il tutto entro la prossima settimana. Sempre secondo quanto spiega la Gazzetta, un eventuale processo sportivo anche solamente per responsabilità oggettiva metterebbe in forte discussione la promozione dei Ducali, arrivati a pari punti con il Frosinone e premiati dalla differenza reti negli scontri diretti. Uno scenario clamoroso, ma ancora da verificare.

Correlati:

Commenti


Altre notizie