Morto Gino Santercole, il musicista e autore nipote di Adriano Celentano

Gino Santercole- Ansa

E' morto di infarto nella sua casa di via dei Due Ponti a Roma, Gino Santercole, chitarrista, cantante, nipote e autore di Adriano Celentano.

Autore superbo, Santercole ha scritto le musiche di alcune canzoni entrate nella storia della musica italiana: "Una carezza in un pugno", "Svalutation", "Straordinariamente".

A darne notizia, su Facebook, il cugino gironalista Bruno Perini: "Stanotte è morto mio cugino Gino Santercole". E proprio con suo zio aveva iniziato a costruire la propria carriera. Aveva 77 anni, e un infarto se l'è portato via nella sua casa di via dei Due Ponti a Roma dove viveva da tempo. Negli anni '60, Santercole sposò Anna Moroni, sorella di Claudia Mori, moglie di Celentano, diventando quindi il cognato di suo zio. Il clan prende forma tanto che negli anni seguenti diventerà a tutti gli effetti un'etichetta musicale chiamata il Clan Celentano, con Santercole alla chitarra ed altri artisti di grande spessore tra i quali Don Backy e Ricky Gianco. Oltre che compositore, è stato attore e chitarrista. Ma è anche al cinema che Santercole si tuffa a capofitto, lavorando con registi come Pietro Germi, Dino Risi, Giuliano Montaldo, Luigi Comencini, Luciano Salce, Mario Monicelli.

Dopo un periodo di lontananza, nel 1999 torna in tv proprio invitato dallo 'ziio' Celentano ad una puntata del suo programma televisivo 'Francamente me ne infischio'.

Correlati:

Commenti


Altre notizie