Intossicazione a Pescara: è Campylobacter

9ebb4623-0cf5-44ce-9412-9f0a1f890f8d

E' salito a 180 il numero delle persone intossicate in una mensa scolastica a Pescara. Lo comunica l'Asl di Pescara a seguito di indagini operate nell'Unità di Microbiologia e Virologia del presidio pescarese sui campioni pervenuti al laboratorio.

Individuato il batterio responsabile, a Pescara, della massiccia infezione alimentare che ha intossicato oltre 130 persone, 126 delle quali bambini di scuole di infanzia e primaria. Tra gli intossicati anche sei insegnanti. La procura di Pescara ha aperto un'inchiesta.

Il batterio, riferisce l'Asl, è stato individuato grazie alle analisi eseguite sui campioni prelevati sui primi bambini arrivati in ospedale venerdì scorso.

Al momento risultano ricoverati 11 bambini e l'evoluzione della sintomatologia si dimostra "perfettamente rispondente alle terapie adottate". "Il batterio Campylobacter Jejuni, che trova diffusione attraverso alimenti - conclude la nota - è per sua natura autolimitante e cioè soggetto ad auto estinzione, ed è sensibile ad antibiotici a largo spettro e a eritromicine e macrolidi".

La campylobatteriosi è una delle malattie batteriche gastrointestinali più diffuse al mondo e il suo tasso di incidenza ha superato in alcuni Paesi europei quello relativo alle salmonellosi non tifoidee.

Il periodo di incubazione varia da un giorno a una settimana, i sintomi sono solitamente leggeri o moderati e consistono in diarrea, dolori addominali, febbre, mal di testa, nausea e vomito.

La carne di pollo è quella che rischia di provocare maggiori problemi e la contaminazione non deve arrivare necessariamente dal consumo della carne, in quanto il batterio muore con la cottura, ma può avvenire anche dal contatto con posate, taglieri e altri strumenti di preparazione che poi vengono usati per preparare anche altri piatti crudi o poco cotti (ad esempio insalate o per tagliare pane ecc).

La durata va da uno a sette giorni.

Unimamme, voi eravate a conoscenza di questa intossicazione di cui si parla su Il fatto?

Correlati:

Commenti


Altre notizie