Antonio Razzi vuole candidarsi con Salvini

Razzi

La delusione della mancata candidatura con il partito di Silvio Berlusconi ha aperto, dunque, nuovi scenari per Razzi, il quale nell'intervista rilasciata a Radio Cusano Campus ha spiegato che ci sono "tantissime possibilità che mi candidi con la Lega di Salvini". "Io sono pronto - ha detto - anche perché nella vita è sempre bene farsi trovare pronti".

Ad attirare l'attenzione, in questo caso, sono le parole dell'ex senatore di Forza Italia Antonio Razzi, intervistato da Radio Cusano Campus. "Ho sempre sostenuto e sostengo Berlusconi, ma lo chiamo sempre per incontrarlo e lui non mi risponde". Per non parlare poi dello slogan "prima gli italiani" che lo vede totalmente concorde: "Mi chiedete di dire 'prima gli italiani'?" Si sciacquassero la bocca prima di parlare degli italiani, si dovrebbero stare zitti, ne hanno combinate di cotte e di crude in tutto il mondo. Non può mancare ovviamente un attacco alla Germania.

"Ieri avevo un fazzoletto verde nel taschino della giacca - ha aggiunto - Col mio vestito ci va a pennello". I tedeschi ci hanno dato degli scrocconi?

Tra queste, quella della riapertura delle case chiuse. Nel programma che l'ex senatore presenterà alle elezioni quando si tornerà a votare ci sarà quindi la promessa di riaprire le cosiddette casa di tolleranza, in cui si esercitava la prostituzione fino all'approvazione della legge Merlin nel 1958.

Infine, Antonio Razzi ricorda alla Lega che candidandolo nelle sue fila acquisterebbe un ottimo rappresentante in politica estera. "Per fare del bene ai cittadini posso scegliere la Lega". Potrebbe approfittare della mia amicizia con la Corea del Nord. "Io e Matteo la faremo insieme per il bene del Paese e per il bene di tutti". L'accordo con il Carroccio sembra comunque essere cosa fatta. "Tra me e Salvini è scattato subito un feeling di amicizia, da quando siamo partiti insieme per la Corea" in conclusione.

Correlati:

Commenti


Altre notizie