YouTube Music, Google sfida Spotify

YouTube Music Google sfida Spotify

YouTube Music è la risposta Google al meritato strapotere che Spotify ed Apple Music si sono guadagnati negli anni annettendo un sempre maggior numero di utenti. Il servizio includerà "migliaia di playlist, le versioni ufficiali di milioni di canzoni, album, artisti radio e altro": arriverà prima negli Stati Uniti, in Australia, Nuova Zelanda, Messico e Corea del Sud e poi nel resto del mondo. Sarà anche possibile ricevere suggerimenti in base al luogo in cui ci si trova e quindi in aeroporto verrà consigliata musica rilassante, in palestra musica più ritmica, etc.

YouTube Music, servizio di musica in streaming come Spotify, sarà disponibile a partire dal prossimo 22 maggio.

Con YouTube Music non sarà quindi più necessario saltare da un'app all'altra ma sarà tutto contenuto in un'unica versione.

Innanzitutto, YouTube Music è proprio quello che sembra: un servizio di streaming musicale che permette di accedere a milioni di brani e - ovviamente - anche ai video di questi (comprese cover e live).

Ed infine ci sarà particolare enfasi sulla cura delle playlist, non solo cucite su misura per i gusti dell'utente, ma anche sulla sua attività, in modo da farvi trovare la musica giusta al momento giusto. YouTube Music sarà proposto in due declinazioni, una gratuita ma con la presenza della pubblicità ed una in abbonamento (9,99 dollari al mese) che offrirà anche alcune funzionalità extra di valore aggiunto. YouTube Music Premium, oltre, alla rimozione della pubblicità, consentirà agli utenti di ascoltare i contenuti musicali in background e di poter effettuare il download dei brani per poterli riprodurre offline. In tal caso YouTube Music avrebbe un costo pari a 9.99 euro mensili, mentre YouTube Premium si andrebbe a posizionare sugli 11.99 euro mensili.

Si concederà anche il nuovo servizio YouTube Premium, che a 12,99 dollari al mese offre un'estensione del supporto Youtube Red per la raccolta video e l'accesso ai contenuti originali. L'iterazione precedente di YouTube Music era un'app che offriva streaming musicale supportato da pubblicità, sebbene un abbonamento YouTube Red consentisse lo streaming senza annunci.

"Ne resterà soltanto uno" non è un modo di dire che si applicherà tanto presto al panorama dei servizi di musica in streaming.

Correlati:

Commenti


Altre notizie