Volley: Superlega, Zaytsev ha scelto Modena

Catia Pedrini

Probabilmente deve rispondere alla piazza e a qualche sponsor partner che per lo "Zar" Ivan Zaytsev stravedeva, probabilmente sta giocando con Trento per abbassare il prezzo per Lanza, perché un martello italiano a Perugia serve come l'aria a meno di non voler far stare in panchina Podrascanin e giocare con due centrali italiani (più Colaci), sarà per questo o per altro che ancor oggi, nel primo pomeriggio, Gino Sirci all'ANSA ha scaricato il peso di un possibile addio alla Sir Safety tutto sulle spalle dello schiacciatore umbro... Il giocatore di origine spoletina, sul fronte tifosi, ha scritto di essere "orgoglioso del rapporto che ho costruito con ognuno di voi". Insieme abbiamo fatto la storia di questa città! Io per voi sarò sempre Ivan. Anche ora in cui comincerò a sudare altrove con sempre nuovi sogni e nuovi traguardi.

LE PAROLE PER BERNARDI "Ma il ringraziamento più importante, è per te, Lollo".

Il campione spoletino di pallavolo, che a Perugia ha conquistato un bronzo e un argento in due Final Four di Champions, una Supercoppa, una Coppa Italia e uno scudetto, nel suo messaggio si è rivolto principalmente all'allenatore Lorenzo Bernardi: "È stato un onore essere allenato da te, mi hai capito, mi hai guidato, mi hai ascoltato e mi hai domato". Sono orgoglioso, determinato e spesso testardo, tu hai fatto di me quello che non pensavo sarei mai riuscito ad essere. Ho cresciuto qui Sasha ed è nata qui la piccola Sienna: avranno sempre dentro un pezzo di questa terra.

Per Zaytsev a Modena contratto di 3 anni e la maglia preferita libera: in una carriera caratterizzata dal numero 9, lo Zar si prenderà proprio quella maglia appena lasciata libera da Earvin Ngapeth.

"Ci sono storie ed emozioni grandi, momenti di pura gioia che valgono ogni goccia di sudore, che ti fanno superare ogni dolore e stanchezza mentale. Sempre! Questo scudetto è una storia d'amore a lieto fine che niente e nessuno potrà rovinare".

Correlati:

Commenti


Altre notizie