TORINO. Salvato bambino colpito da un ictus

Salute e Benessere

A metà aprile, il bambino di 6 anni era stato ricoverato all'ospedale di Novara per una emiparesi sinistra. Nei bambini, dopo queste malattie, può verificarsi, seppur raramente, una reazione infiammatoria che colpisce l'organismo, in questo caso i vasi cerebrali. La sua situazione neurologica, tuttavia, ha continuato a destare preoccupazione.

L'ictus nei bambini è una malattia molto rara. Il piccolo, trasportato all'ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, è stato sottoposto a terapie specialistiche, che hanno permesso la stabilizzazione clinica. Il monitoraggio neuroradiologico e dei vasi cerebrali ha permesso di intercettare l'aggravamento clinico e di prendere la decisione di intervenire direttamente sui vasi, anche se, per quanto è a conoscenza, un intervento in queste condizioni non era mai stato eseguito su un paziente pediatrico.

Una buona notizia giunge dalla sanità torinese: un bambino colpito da ictus salvato alla Città della Salute di Torino. Qui, grazie ai medici dell'ospedale Molinette e agli specialisti dell'ospedale Regina Margherita è stato possibile effettuare un intervento con tecnica mini-invasiva. Le cause sono spesso ignote. L'intervento è tecnicamente riuscito e le condizioni del paziente stanno migliorando. Inserendo uno stent - una piccola protesi, ndr - a livello di un'arteria cerebrale, partendo dalla zona inguinale, attraverso i vasi sanguigni, sono riusciti a mantenere il vaso aperto permettendo la normale irrorazione del sangue al cervello. Questo caso dimostra che, se la terapia medica non è sufficiente, si può intervenire con successo. Un passo così importante richiede naturalmente competenze multidisciplinari, una équipe affiatata ed attrezzature idonee.

A salvare la vita al piccolo paziente un' équipe mista multispecialistica, composta dal professor Mauro Bergui, direttore della Neuroradiologia universitaria delle Molinette, e dalla dottoressa Gabriella Agnoletti, direttore della Cardiologia pediatrica del Regina Margherita.

Correlati:

Commenti


Altre notizie