Salvini: "Io premier? Sarebbe l'onore più grande del mondo"

Cyber security che cosa dice il contratto di governo M5S-Lega

Come ricorda il Corriere della Sera, banchieri e dei gestori di fondi internazionali, che detengono debito pubblico italiano per circa 700 miliardi, "sono capaci di venderlo in un istante, facendo esplodere lo spread". "Stiamo cercando una soluzione che sia politica", dice il leader 5 stelle mentre è in corso il tavolo tecnico M5s-Lega. "Eppure vedo tanta ironia, in tanti ci attaccano" rileva il leader M5S.

Chi si aspettava di conoscere il nome del presidente del Consiglio indicato da Movimento 5 Stelle e Lega è rimasto deluso. "Hanno ragionato di condono di debito pubblico e uscita dall'euro, è molto preoccupante che, anche se superata, abbiano messo giù quelle ricette". Anche oggi c'è qualche eurocrate non eletto che ci attacca, oggi il Ft parla di nuovi barbari.ma come vi permettete?

Ma c'è di piu'.

"In una settimana con la Lega abbiamo scritto oltre 30 pagine di contratto di governo e stiamo lavorando insieme per creare una squadra all'altezza della situazione perché a livello europeo dovrà battagliare non poco" ha poi fatto sapere Luigi Di Maio uscendo dalla Camera. Ci vuole semplicità, al via una grande riforma fiscale.

"Sul contratto ci sarà il voto sulla piattaforma Rousseau". "Io sono ottimista di natura", ha aggiunto e quando qualcuno ha alluso alla faccia scura di Matteo Salvini ha commentato con un sorriso smagliante: "Io che faccia ho?". Ma Salvini non si fida. La Lega incassa il sì a una sua proposta più volte esposta in campagna elettorale: "il ritiro immediato delle sanzioni imposte alla Russia" e la riabilitazione di Mosca come "interlocutore strategico" in aree di crisi come Siria, Libia e Yemen. Prima del malore al cuore che lo ha costretto alla riabilitazione da un mese a questa parta, l'ex Capo dello Stato - secondo Minzolini oggi sul Giornale - avrebbe consigliato a Mattarella di affidare subito l'incarico di premier a Matteo Salvini. Al termine del incontro serale, sembrerebbe prevalso l'ottimismo sulla chiusura del contratto di governo tra Lega e M5S.

Tutto ciò risulta in controtendenza con il forte interventismo statale in merito alla questione delle pensioni e sul "reddito di cittadinanza". I 5 Stelle e in particolare Beppe Grillo hanno recentemente ventilato l'ipotesi di un referendum consultivo sulla permanenza dell'Italia nell'euro. Anche Di Maio ha fatto un passo indietro, dichiarandosi meno euroscettico. L'idea delle controparti sarebbe quella di rimodularla, ma non si è ancora deciso in quale misura.

Salvini, da parte sua, ha risposto sempre tramite Facebook: "Siamo al tratto finale: se riusciremo a trovare un punto di equilibrio tra Lega e centrodestra e M5s si parte". Fra questi vi sarebbe però la revisione dei trattati Ue e anche i costi della politica. "Osservo dall'esterno e interverrei solo se si perdessero di vista i principi".

Correlati:

Commenti


Altre notizie