Torna la truffa della moneta thailandese. 10 Bath scambiati per 2 euro

Attenzione alla truffa della moneta: 10 Bath scambiati per 2 euro

C'è anche da dire che diversi distributori automatici, soprattutto quelli più vetusti, non sanno distinguere le due euro dai 10 batch o da altre monete di lega simile e dello stesso colore ma di valore molto più basso. Dunque occhi aperti sulle monete che vi mettono in mano. Stiamo parlando Infatti delle monete thailandesi da 10 bath, il cui valore è di circa 0,25 di euro e che spesso vengono scambiati proprio per le monete da 2 euro. Nelle principali città italiane, quelle battute da una grande quantità di turisti come Roma e Napoli, il rischio di ricevere come resto delle monete straniere dal valore basso che somigliano molto alle nostre due ore, è ancora molto alto. Difficile accorgersene sul momento, quando un negoziante di dà il resto, si tende infatti sempre a prelevare le monete in fretta anche perché magari dietro ai una fila di gente spintonante come accade sempre in Italia, prendi tutto e poi solo in seguito ti accorgi della truffa.

Sembra che la Federconsumatori, due anni fa avesse già lanciato il monito agli utenti di prestare parecchia Attenzione anche alla possibilità di cadere in errore oppure di essere oggetto di una truffa a causa di questa somiglianza davvero incredibile tra la moneta del conio thailandese e la nostra €2, essendo più o meno la stessa sia come peso che come metallo. Allarme simile è stato lanciato anche per quanto riguarda la lira turca, coniata partire dal gennaio 2005, e che molti economisti accusano di essere un'abile e voluta copia purtroppo inattaccabile a termine di legge, quasi in tutto e per tutto simile alla nostra moneta da 1 euro. Queste due monete sono più facili da trovare a ridosso di ponti e festività, oltre che nelle stagioni turistiche.

"State molto attenti quando si fanno gli scambi di denaro e valutate bene il resto".

Correlati:

Commenti


Altre notizie