Catalogna, le reazioni alla nomina di Quim Torra

Il nuovo presidente della Catalogna Quim Torra subito dopo l’elezione

L'indipendentista 55enne è stato eletto al secondo turno dal Parlamento di Barcellona. Torra, scelto come candidato dal presidente deposto e in esilio Carles Puigdemont, ha promesso di continuare a "costruire uno Stato indipendente" dalla Spagna.

È stato eletto con 66 voti dei grandi partiti separatisti (JxCat e Erc) contro 65 dell'opposizione (Unionisti e Podemos).

Torra è il 131esimo presidente della Catalogna. Puigdemont è in Germania in attesa di una possibile estradizione in Spagna, che vorrebbe processarlo per "sedizione" e "appropriazione indebita di fondi pubblici". Con l'elezione di Torra si conclude la lunga fase di commissariamento dell'autonomia catalana imposta da Madrid dopo il referendum di autodeterminazione illegale del primo ottobre dell'anno scorso, e della dichiarazione di indipendenza unilaterale votata dal Parlamento catalano. Lo stesso pensa Pedro Sánchez che si è detto eventualmente pronto a imporre di nuovo il 155 se il presidente catalano non rispetterà la Costituzione spagnola.

Correlati:

Commenti


Altre notizie