In Italia 1 bambino su 10 vive in "povertà assoluta"

In Italia 1 bambino su 10 vive in “povertà assoluta”

"Povertà educativa e resilienza in Italia", diffuso in occasione del lancio della campagna "Illuminiamo il Futuro per il contrasto alla povertà educativa".

"Luoghi che se restituiti ai bambini attiverebbero percorsi di resilienza, grazie ai quali potrebbe raddoppiare la possibilità di miglioramento".

Esaminando in dettaglio i singoli parametri che compongono l'Indice, si osserva che nel nostro Paese quasi il 14% dei ragazzi abbandona gli studi precocemente, una delle percentuali più alte in Europa e che raggiunge livelli ancor più elevati in Sicilia (23,5%), Sardegna e Campania (18,1%). Il miglior risultato si registra invece in Emilia Romagna, dove la copertura di servizi per la prima infanzia non supera il 25,6%. Non solo. L'Istat ha messo in evidenza come nel 2016 oltre la metà non legge un libro, quasi 1 su 3 non usa internet e più del 40% non fa sport. Sono alcuni dati sulla povertà educativa in Lombardia, fotografata dal nuovo rapporto "Nuotare contro corrente".

"La nostra ricerca ci dimostra tuttavia che nonostante le condizioni di svantaggio iniziale, tanti bambini e ragazzi possono rivelarsi particolarmente resilienti e grazie al loro impegno e alle loro motivazioni, alimentate e rafforzate dalle opportunità che la scuola e i territori in cui vivono sono in grado di offrire loro, possono superare le barriere e le difficoltà che si trovano di fronte e migliorare così anche le proprie competenze scolastiche", ha affermato Raffaela Milano, direttrice dei Programmi Italia-Europa di Save the Children.

Correlati:

Commenti


Altre notizie