TORINO. Ordinano attacco con acido: "Non sposare nostra figlia"

Siena, sfregiato con l'acido su ordine dei suoceri: «Non dovevi sposare nostra figlia»

Hanno ordinato l'aggressione con l'acido del futuro genero perché contrari al matrimonio della figlia con questo uomo, più grande di lei di 27 anni. La donna, 45 anni, si trova nel carcere di Sollicciano, l'uomo, 54 anni, a Torino. Per l'accaduto i carabinieri del comando provinciale di Siena hanno arrestato, lunedì 7 maggio 2018, una coppia di coniugi italiani separati: Pierino Costantino Comodari di 53 anni, che ha precedenti per omicidio ed era agli arresti domiciliari a Ceres (in passato aveva abitato in zona Falchera), e Isabella Concialdi di 46 anni, residente in Val d'Elsa nel Senese, quali mandanti dell'accaduto. Alla fine, per mettere a punto il loro "disegno criminale" i due hanno ingaggiato un uomo (ad oggi ancora sconosciuto).

Lo hanno inseguito fino a Torino, dopo un primo tentativo di sfregiarlo. Così con il passare del tempo il loro stato d'animo si è trasformato in un odio sempre più feroce, concretizzatosi prima in minacce e danneggiamenti dell'auto dell'uomo e quindi con azioni più pericolose nei confronti del genero, abitante con la giovane moglie in località Marcialla nei pressi di Certaldo (Firenze), oggetto per due volte di veri e propri attentati, da parte di persone per il momento sconosciute, con acido solforico. In quella occasione il 48enne era riuscito a proteggersi alzando un braccio. La situazione è precipitata nel febbraio scorso, con il primo assalto con l'acido il 23 febbraio.

Secondo quanto ricostruito, i due avevano da subito ostacolato la relazione, per via della differenza di età (20 anni lei, 48 lui), dando il via a una incredibile catena di persecuzioni verso l'uomo e la stessa figlia. La coppia era arrivata infine a ordinare aggressioni con acido. Le due vittime delle persecuzioni sono state trasferite in una residenza protetta. Attualmente sono in corso le indagini per identificare gli autori materiali degli attacchi.

Correlati:

Commenti


Altre notizie