Prostituzione, a Cremona la Polizia chiude tutti i centri massaggi cinesi

Il blitz della polizia al centro massaggi cinesi Giada a Cremona

Con un blitz simultaneo, scattato nella notte tra venerdì e sabato, che ha visto coinvolti 50 agenti della polizia e vigili, insieme con i tecnici della Ats Valpadana, ne sono stati chiusi nove: tutti quelli aperti nei mesi scorsi in vari quartieri della città. Le irregolarità - tutte amministrative - riscontrate spaziano dalla mancanza delle condizione igieniche, alle licenze edilizie, fino alle irregolarità dei rapporti di lavoro. I dettagli a seguito di una conferenza stampa in corso in Questura. In totale la chiusura ha riguardato 9 strutture.

Gli uomini delle forze dell'ordine hanno perquisito prima i locali considerati come "sospetti" e poi i incastrato i titolari: il tutto in tempi record, per evitare le veloci cessioni di licenza che in passato avevano reso impossibili i sequestri. Durante l'irruzione sono stati identificati i gestori e una quindicina di clienti. Un altro degli aspetti da chiarire è se i nove centri massaggi facciano riferimento a gestori diversi o siano riconducibili a un'unica organizzazione.

Correlati:

Commenti


Altre notizie