Bonucci sta con Buffon: "Ci fossi stato io..."

Leonardo Bonucci

Ai microfoni di Premium Sport, però, il capitano dei rossoneri non ha parlato solo di Milan, ma anche dell'eliminazione della Juventus dalla Champions League ad opera del Real...

"No, ma ci speravo". Poi c'è stato quell'episodio dubbio nel finale, ma la Juve ha dimostrato di essere all'altezza.

"Per noi era importante un punto ieri e ho esultato alla parata di Gigio come se avesse fatto un gol, perché di fatto è valsa come un gol. E' merito di Gattuso che ci ha inculcato questo modo di difendere e di cercare trame di gioco che ci hanno permesso di essere terzi nel girone di ritorno". "Sono stato fortunato a giocare con Buffon, il migliore della storia del calcio, e ora Donnarumma può diventare tra i più forti".

Leo non sembra intenzionato a trasferirsi fuori dall'Italia, ma non è da escludere che il City possa metterlo alla prova facendo arrivare un'offerta sulla scrivania di Massimiliano Mirabelli. "Deve restare leggero, non sentire le pressioni, solo così può crescere". Stupito più dalla rovesciata di Ronaldo o dalla parata di Donnarumma?

In seguito si passa a parlare del prossimo impegno a Torino contro i ragazzi di Walter Mazzarri, migliorati dopo un periodo di appannamento: "Si sono ripresi alla grande, ora sono una squadra, esprimono un buon calcio e dovremo stare attenti".

In chiusura, sulla fascia da capitano: "Spero di fare il capitano al meglio". Ho portato esperienza ad un gruppo giovane, alcune volte ho sbagliato ed altre volte ho fatto cose buone, ma mi sono messo a disposizione cercando di essere me stesso in ogni occasione.

Ma Bonucci non si è sottratto neppure alla domanda sui fatti di Madrid, dove la sua ex Juventus è uscita a testa alta e tra le polemiche: "In Europa è stata una settimana ricca di emozioni, sono molto contento per la Roma e dispiaciuto per la Juventus perché fare tre gol al 'Bernabeu' non è una cosa da tutti i giorni. Ma abbiamo l'obbligo di vincere". "Fossi stato lì non avrei saputo tenere a freno i miei istinti". Sono fiero di essere il capitano di questa squadra. Se ho pensato, 'meno male che non sono lì' quando ha fischiato il rigore?

Correlati:

Commenti


Altre notizie