Formula 1, in Cina la pole è di Vettel. Raikkonen secondo

Cina: 1/e libere ad Hamilton, Vettel 6/o

Si scaldano i motori per la caccia alla pole, il primo a transitare sul traguardo è Raikkonen che guida praticamente da manuale e si mette tutti dietro: Vettel è staccato di un decimo e mezzo con un altro grande giro, Bottas becca oltre quattro decimi ed è tallonato da un Hamilton non così brillante come in chiusura di Q2.

CALVARIO - Se le prestazioni con le gomme più tenere, costituiscono la maggiore preoccupazione per la Mercedes, è l'affidabilità il tallone d'Achille della Red Bull: la presenza di pista di Ricciardo, già ritardata per un allarme nella zona del cambio, che ha richiesto una verifica, è durata lo spazio di 4 giri, all'ultimo di questi mentre l'australiano affrontava il lungo rettifilo da 1,17 km dal retrotreno è uscita una nuvola di fumo che ha sentenziato la morte della prima power unit della stagione.

Il copione di oggi si è rivelato simile a quanto visto sette giorni fa in Bahrain, con Raikkonen velocissimo nel primo tentativo in Q3 e poi beffato da Sebastian Vettel nei secondi finali della sessione. Terza fila Red Bull con Verstappen davanti a Ricciardo, messo in pista negli ultimi secondi dal team dopo la sostituzione del turbo che gli ha causato problemi durante le FP3 della mattina. Cerchiamo sempre di fare il nostro lavoro e di farlo bene, e anche se le prime gare sono andate bene, oramai sono acqua passata.

Su una pista che doveva essere favorevole alla Mercedes, specialmente a seguito delle temperature basse, la Ferrari si è dimostrata forte con le soft e ultrasoft. Dopo questa gara penso che potremo saperne un po' di più, ma in generale la macchina va bene e funziona, per cui so che possiamo giocarcela. Dobbiamo lavorare sodo, domani sarà una giornata molto diversa farà molto più caldo, daremo tutto quello che abbiamo.

Non c'e' due senza tre o almeno la Rossa lo spera. Out anche Hartley, Ocon e, a sorpresa, Kevin Magnussen. Nulla da fare, invece, per le due Frecce d'Argento, forse alle prese con una delle qualifiche più difficili dell'era ibrida. Migliore tra gli "altri" la conferma Nico Hulkenberg, anche grazie a una Reanult a proprio agio sul tracciato cinese. "La partenza? Credo che dalla parte di Kimi ci sia più gomma, dovrò stare attento" (tempi ufficiali e griglia di partenza).

Correlati:

Commenti


Altre notizie