Salvini: Preincarico a Giorgetti? Non faccio caccia al tesoro

M5S insiste: mai con FI

E invece ecco che il timoniere semilicenziato li sbertuccia. E questo succede mentre i partiti tradizionali, nello stesso mese successivo alle elezioni, continuano a perdere consensi fino a cifre per certi versi inaudite: come quella del Pd, che piomberebbe al 16 percento, trascinando giù (o trascinato giù) anche dall'indice di fiducia nei confronti di Matteo Renzi, crollato all'ultimo posto tra i leader principali, dietro anche a personalità ormai offuscate, marginali o "carsiche" come Grillo, Berlusconi, Bersani.

Se Forza Italia ha deciso di sostenere il candidato Baccini in modo autonomo, iniziando cosi una fuga in solitaria, rischia di assumersi due responsabilità: la prima di determinare una spaccatura del centrodestra e legittimare pertanto ogni singolo a intraprendere iniziative al di fuori della coalizione, cosa che noi non vogliamo, e la seconda di favorire i nostri avversari. "Parliamo di cose serie". Ma gli attacchi del M5S contro il Cavaliere sono sprezzanti.

Il piano di Salvini dovrà prima saltare l'ostacolo Berlusconi. Soddisfazione anche da parte del coordinatore provinciale Andrea Fantuzzi, che sottolinea il costante lavoro che Lega Salvini Premier sta facendo nell'area metropolitana: "L'ingresso di Aurelio Cilli rappresenta la volontà del nostro partito di continuare a crescere e radicarsi sul territorio". Oggi il leader della Lega dice di "condividere le scelte di Gentiloni e Merkel", che si oppongono ad una escalation militare nel Paese arabo. In questa ottica il Colle potrebbe fornire il primo incarico esplorativo a Elisabetta Casellati mettendo in conto un probabile fallimento che però, per i tempi necessari ai colloqui con le forze politiche, permetterebbe di far passare il tempo necessario a chiudere le urne in Molise e in Friuli. Soprattutto se Salvini e Di Maio non porteranno fieno in cascina.

Così la segretaria cittadina della Lega di Foggia, con il neo segretario regionale Andrea Caroppo e i tre consiglieri comunali al Comune di Foggia: "Una città sicura, ove si percepisca forte il senso di sicurezza, è la base affinché vengano posti in essere nuovi investimenti. Il parlamento e il governo sono più seri di una caccia al tesoro". Il suo nome, stavolta sì, lo conoscono tutti.

Dall'altra parte però capiscono che la strategia del governo autorevole potrebbe metterli in difficoltà e tengono il punto. Uno schema che - secondo le indiscrezioni -prevede ovviamente concessioni anche al Carroccio. Un domino in movimento a cui per ora non si è trovata soluzione. Il fatto è che quella divisione non è profonda abbastanza perché la coalizione si spezzi. Poi, una volta stretto il patto, ci si porrà il problema della durata. Un'adesione di spessore che consolida il lavoro politico di Lega Salvini Premier nell'area metropolitana.

Correlati:

Commenti


Altre notizie