Matteo Salvini: "La pazienza è al limite"

Como, offese alla Lega Nord: Salvini porta don Alberto in tribunale

Lo dice Matteo Salvini in una diretta Facebook. Così il leader della Lega Salvini nel corso della sua visita a Vinitaly.

Un commento, il suo, che non lascia molto spazio ad ulteriori interpretazioni: "pazzesco, fermatevi!".

"Fino a che qualcuno, come il mio alleato Berlusconi o Di Battista, usa l'insulto, fino a che continuano i capricci i veti e i protagonisti non se ne esce".

Matteo Salvini, leader della Lega Nord, ha parlato così del risultato delle italiane nelle coppe europee.

Prima di ogni altra comunicazione ufficiale da parte di altri esponenti della politica italiana, ha deciso di dire la sua.

L'apertura dell'edizione numero 52 di Vinitaly si trasforma in un confronto a distanza tra le forze politiche alla prese con la formazione del nuovo governo ma chi ipotizzava un possibile patto tra Lega e M5S sigillato da una brindisi con un bicchiere di vino rigorosamente Made in Italy è rimasto deluso: "Non ci sarà alcun incontro". In quel caso però, l'80% dei leghisti non ha nessuna intenzione di cedere la premiership a qualche altro leader, compreso Di Maio. Parte da Saddam Hussein e non si risparmia nei commenti, ricordando le armi chimiche del generale iracheno.

Salvini dopo il tweet ha ribadito di ritenere l'attacco alla Siria "sbagliato".

Moltissime le reazioni al suo tweet e alle sue parole, più di 600 retweet.

Ma anche il mondo politico italiano è intervenuto sulle tensioni internazionali diventate ormai pesantissime.

Sarò forse troppo sospettoso, ma confesso che quando ho visto Berlusconi uscire indenne dal Quirinale e addirittura salire sul predellino dell'automobile, ho tirato un sospiro di sollievo.

"In queste situazioni - ha fatto sapere Berlusconi impartendo una dura lezione all'alleato - è meglio non pensare e non dire nulla".

Correlati:

Commenti


Altre notizie