Italia, febbraio a due facce per le vendite

Produzione industriale cala per il secondo mese di fila

Lo rende noto l'ISTAT, l'Istituto nazionale di statistica, attraverso la diffusione di un comunicato stampa. Secondo i dati diffusi dall'Istat, le vendite hanno registrato un aumento, rispetto al mese precedente, dello 0,4% in valore e dello 0,9% in volume. Ad aumentare sono state sia le vendite di beni alimentari (+0,4% in valore e +1,2% in volume), sia quelle di beni non alimentari (+0,3% in valore e +0,7% in volume). Nella media del trimestre dicembre 2017-febbraio 2018 la produzione è aumentata dell'1,4% rispetto al trimestre precedente. Nello stesso periodo diminuiscono sia le vendite di beni alimentari (-0,8% in valore e -0,9% in volume), sia quelle di beni non alimentari (-0,6 in valore e in volume). Le vendite di prodotti non alimentari diminuiscono sia in valore sia in volume (rispettivamente -1,1% e -0,6%).

Per quanto riguarda i settori di attività economica, a febbraio 2018 i comparti che registrano la maggiore crescita tendenziale sono quelli della produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+11,2%), della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+6,6%) e della fabbricazione di macchinari e attrezzature n.c.a.(+5,3%).

Nel febbraio scorso la produzione industriale è scesa dello 0,5% rispetto a gennaio e aumentata del 2,5% (dati corretti per effetto calendario) su febbraio 2017.

Nella grande distribuzione le vendite hanno registrato una variazione positiva per i prodotti alimentari (+0,7%) e una variazione negativa per quelli non alimentari (-0,8%). Sostanzialmente stabile il commercio elettronico (-0,1%). Tra gli esercizi non specializzati a prevalenza alimentare, il valore delle vendite è diminuito per gli Ipermercati (-5,4%), mentre è aumentato per Supermercati (+2,1%) e Discount (+5,3%).

Correlati:

Commenti


Altre notizie