Dichiarazione di redditi pre-compilata on line dal 16 aprile

MODELLO 730/2018 AL VIA/ Nuove detrazioni nella dichiarazioni dei redditi

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato un documento che fornisce chiarimenti in materia di "Modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie e delle spese veterinarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata, a decorrere dall'anno d'imposta 2017".

Dal 1° ottobre dell'anno di riferimento al 31 gennaio dell'anno successivo, il contribuente, in alternativa a quanto detto sopra, può esercitare l'opposizione in relazione ai dati aggregati relativi a una o più tipologie di spese sanitarie, comunicando all'Agenzia la tipologia di spesa da escludere, il proprio codice fiscale e il numero di tessera sanitaria con la relativa scadenza.

Modello 730/2018 al via con novità relative alle detrazioni, non solo per i farmaci, ma anche per le ristrutturazioni edilizie. Ben 95 milioni di dati riguarderanno poi i premi assicurativi.

L'incremento più elevato riguarda i rimborsi di spese universitarie, oltre 55mila, che fanno registrare un +67,9% rispetto al 2017. Infatti, con l'ingresso dei dati relativi alle rette degli asili nido, i dati a disposizione del Fisco superano quota 925 milioni.

Nonostante ciò, coniugi ovvero coppie di fatto che intendono presentare un'unica dichiarazione dei redditi potranno unire i due modelli di precompilata, debitamente compilati, in sede di trasmissione: si tratta di una novità introdotta a partire dal 2016 e prevista anche per il modello 730/2018.

Precompilata 2018 ai blocchi di partenza: dal 16 aprile l'Agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei contribuenti le dichiarazioni dei redditi precompilate (730 e Redditi). A partire da quel momento il contribuente e i soggetti delegati potranno visualizzare la dichiarazione precompilata e l'elenco delle informazioni disponibili, con l'indicazione dei dati inseriti e non inseriti e delle relative fonti informative.

Dal 2 maggio (fino al 23 luglio) sarà possibile modificare e inviare il modello 730.

Il modello di dichiarazione precompilata sarà disponibile dal prossimo 16 aprile sia per chi presenta il 730 sia per chi presenta il modello Redditi. In aumento anche le detrazioni per le spese universitarie: nelle spese scolastiche saranno inserite anche le spese effettuate per gli asili nido, i contributi versati alle ONLUS, alle associazioni di promozione sociale, alle quelle per la valorizzazione dei beni artistici, storici e culturali e alle fondazioni per la ricerca scientifica. Infine è possibile accedere alla dichiarazione precompilata utilizzando la Carta Nazionale dei Servizi. A compilarla, direttamente (tramite procedura precompilata o attraverso l'ausilio di Caf o commercialisti) sono tenuti coloro che hanno redditi da lavoro dipendente e assimilati, da terreni e fabbricati, da capitale e da lavoro autonomo per cui non è richiesta la partita Iva.

Correlati:

Commenti


Altre notizie