Dal 2019 in pensione a 71 anni: chi subirà l'aumento

Pensioni altro che abolizione della Fornero dal 2019 una nuova stangata

In alcuni casi il requisito anagrafico per l'accesso alla pensione si alzerà addirittura a 71 anni. L'adeguamento coinvolgerà anche i cd. lavoratori precoci che dovranno raggiungere 41 anni e 5 mesi di contributi (2154 settimane) dai 41 anni tondi attuali.

Per coloro che hanno cominciato a lavorare dal 1996 per l'accesso alla pensione anticipata con almeno venti anni di contribuzione effettiva e con il requisito del c.d. importo soglia mensile ( 2,8 l'assegno sociale) e che, dal 1° gennaio 2019, il requisito si perfeziona al raggiungimento dei 64 anni. Crescono pure i requisiti per accedere alla totalizzazione nazionale di cui al Dlgs 42/2006).

Dal 1° gennaio 2019 aumentano i requisiti richiesti per poter andare in pensione e li indica nel dettaglio l'Inps con la circolare n. 62 del 4 aprile 2018. Un criterio che potrebbe ulteriormente cambiare a partire dal primo gennaio del 2021, quando si potrà andare incontro a un nuovo incremento delle speranze di vita. Dal 2019 bisognerà avere 41 anni di contributi oppure 66 anni per la prestazione di vecchiaia.

A decorrere dal 2023, la variazione della speranza di vita relativa al biennio di riferimento è computata in misura pari alla differenza tra la media dei valori registrati nei singoli anni del biennio medesimo e la media dei valori registrati nei singoli anni del biennio immediatamente precedente.

Nel caso di incremento della speranza di vita superiore a tre mesi, la parte eccedente andrà a sommarsi agli adeguamenti successivi, fermo restando il limite di tre mesi. Attualmente, fa sapere l'Inps, sono state effettuate circa duecentomila simulazioni.

Domande per l'Ape volontaria al via dal 13 aprile.

"Secondo i dati che ci ha fornito ieri l'Inps - ha reso noto Gianfranco Torriero, Vice direttore generale dell'Abi - sono 71 le certificazioni rilasciate dall'Inps a coloro che hanno maturato i requisiti pensionistici tra il 1° maggio 2017 e il 17 ottobre 2017 e che quindi debbono presentare la domanda entro il 18 aprile se intendono ottenere gli arretrati di Ape maturati". Le procedure per la certificazione del diritto all'APE sono state messe a disposizione delle sedi territoriali dell'Inps dal 16 marzo.

Correlati:

Commenti


Altre notizie