Domenica si corre in Bahrain, Vettel non si scopre

La Mercedes si lecca le ferite: «Abbiamo sbagliato e siamo stati puniti»

Se in MotoGP si bisticcia con i freni, in Formula Uno ci si accapiglia con l'elettronica sul dispositivo che fa discutere team e piloti, quello che ormai abbiamo tutti battezzato "bottone magico" di Mercedes. I tre piloti, in conferenza stampa, presentano cosi il secondo appuntamento. Senza contare anche altri primati (maggior numero di Gp vinti consecutivamente, maggior numero di pole, punti e vittorie in una stagione), i traguardi in gioventù sono stati talmente tanti che a fine 2014, in una stagione terribile per lui (unica volta in cui ha fatto meno punti del compagno di team), ha deciso di compiere il grande passo: sposare la Rossa, per emulare, stavolta sì e con convinzione, quello che Michael aveva fatto all'incirca 20 anni prima di lui, cioè riportare il Cavallino al successo. Pista completamente asciutta anche nel giorno della gara, domenica 8 aprile, con le temperature che nella serata passeranno dai 30° ai 23°. Ma sarà importante la gara.

"In Australia è stato un weekend lineare, avrei potuto fare di più ma va bene, c'è sempre qualcosa su cui lavorare, abbiamo potuto provare poco durante le prove, ma siamo stati abbastanza soddisfatti, il team ha lavorato bene e le gare sono così".

Poi spazio a Bottas, in cerca di riscatto dopo un esordio buio: "E' stato un weekend negativo in Australia, stop".

Le sensazioni non possono essere che positive dopo la prima prova a Melbourne.

Così come era stato per Silverstone l'anno scorso, il prossimo Gran Premio aspetta Andrea Dovizioso schierarsi sulla griglia di partenza da leader del campionato. I prossimi due mesi saranno fondamentali. Speriamo di poter migliorare la macchina e se non saremo competitivi per il Mondiale, speriamo di toglierci almeno qualche soddisfazione.

Al tutto si aggiungano certe condizioni sfavorevoli quali l'asfalto piuttosto abrasivo che, unito alla presenza di sabbia e al calore ambientale solo in parte mitigato dall'orario serale della gara (si parte alle 18,10 locali), rende impegnativa la gestione dei pneumatici.

Correlati:

Commenti


Altre notizie