"Ti sfregio con l'acido", minaccia la figlia perché lesbica

Minaccia la figlia per la relazione omosessuale denunciata

La madre non ha accettato la situazione e ha così cominciato a rendere la vita impossibile.

Non condivideva la relazione sentimentale della figlia con un'altra donna.

Una donna di Noto, denunciata dalla polizia per atti persecutori, deve rispondere dell'accusa di stalking nei confronti della figlia gay. Prima sono partite le telefonate per convincerla a ritornare sui suoi passi, poi i messaggi offensivi e intimidatori. Per evitare qualsiasi scontro la vittima evitava di risponderle, ma la madre continuava imperterrita ad inviarle messaggi coi quali la redarguiva pesantemente minacciandola di far uso dell'acido per sfregiarla al viso o di investirla in auto. I titolari, loro malgrado, licenziavano in tronco la giovane per evitare conseguenze al buon nome del locale.

L'ultimo episodio la sera dell'11 marzo: la madre si apposta dietro l'esercizio commerciale dove la figlia è stata assunta da poco e, il giorno dopo, si presenta in negozio inducendo i titolari a licenziare la figlia, pena una scenata pubblica. Convocata in commissariato, la madre-aguzzina e' stata denunciata e diffidata dall'avvicinarsi alla figlia. "Essere omosessuali - continua il presidente di Arcigay Siracusa - è solo un modo di essere, non una scelta e tanto meno un voler offendere gli altri". "Come sportello e come associazione Arcigay ci mettiamo a disposizione di questa ragazza e della compagna per offrire i servizi a titolo gratuito sia da un punto di vista giuridico sia psicologico" conclude.

Correlati:

Commenti


Altre notizie