L'annuncio di lavoro del fast-food che ha fatto infuriare tutti

Un annuncio di lavoro che ha scatenato la discussione sul web.

'Stiamo cercando una cassiera per Burgez (via Savona). La chiosa finale ha provocato la reazione stizzita di diversi utenti Facebook.

E continuano "Questo non è razzismo, ma la realtà, e allora mi chiedo: la gente ce l'ha con noi perché abbiamo detto una cosa non vera o perché abbiamo detto una cosa vera?"

E Burgez risponde con toni piuttosto coloriti: 'Sono contratti nazionali, italiani o filippini o nigeriani non cambia nulla. Il fondatore di Burgez ha affermato che è fondamentale acquisire una cultura del lavoro e che laurearsi è importante soprattutto se si vogliono intraprendere professioni legate alle facoltà di Giurisprudenza e Medicina. Tutto in regola e tutto alla luce del sole'. "È inutile difendere l'italianità a tutti i costi, meglio spronare i giovani, tanto che da ieri a oggi ci sono già arrivati 260 curricula". In un successivo post Burgez ha difeso a spada tratta il gruppo che lavora nella comunicazione: "Prima di dare del 'maschilista' al gruppo di ragazze e di ragazzi che lavora alla comunicazione di Burgez, andate a vedere il profilo instaburgez e capirete che ce n'è anche per i maschietti". Ci spiace per la sua frustrazione ma noi siamo puliti, la scopa la usiamo bene, a noi piace usarla sul pavimento, non nel culo'. Troppo facile sparare sempre sui giovani!", Brugez non la manda certo a dire: "Sai cosa c'è di peggiore di chi sottopaga i nostri giovani italiani? Le persone come te con la puzza sotto il naso. "Proclami vergognosi"? Parli senza sapere e ti fai forza del fatto che non sai, perché se sapessi chiuderesti la bocca e ti nasconderesti in un angolino. Sono bastate poche righe pubblicate sul profilo ufficiale di Facebook per etichettare l'azienda di fast food come razzista al contrario ovvero con atteggiamenti discriminatori nei confronti degli italiani. "A vergognarti della tua ignoranza esibita". Niente insomma a che vedere con la gastronomia.

Correlati:

Commenti


Altre notizie