Il raccattapalle perdona Ferreyra: "È stato solo un gesto di rabbia"

Ferreyra

Solo del ghiaccio sul ginocchio e un po' di dolore alla mano all'uscita dall'Olimpico per il giovane protagonista di questa storia, che ringraziando tutti ha colto la 'palla al balzo' per perdonare Ferreyra. In particolare dopo che la Roma si è portata in vantaggio grazie al gol di Dzeko, lo Shakhtar ha dovuto inevitabilmente sbilanciarsi alla ricerca della rete che gli avrebbe garantito la qualificazione, lasciando spazi allettanti agli attacanti giallorossi. È stato solo un gesto di rabbia incontrollata da parte del giocatore! Un episodio analogo a quanto accaduto a Cancellieri si verificò dieci anni fa con Gianluca Caprari, oggi attaccante della Samp, all'epoca raccattapalle della Roma (si legge sulla Gazzetta dello Sport). "Grazie a tutti coloro che si sono preoccupati, tutto bene per fortuna - ha scritto stamattina Cancellieri su Instagram -". Il giovane è stato immediatamente soccorso dal personale medico che lo ha portato in infermeria, nulla di grave e potrà essere in campo nel fine settimana nella sfida contro il Crotone. Allo stesso tempo, voglio esprimere le mie scuse per la reazione che ho avuto col raccattapalle durante la partita.

La Roma ha battuto lo Shakhtar Donetsk conquistando i quarti di finale di Champions League per la prima volta dal 2007-2008. "Ho avuto la possibilità di scusarmi già di persona ma volevo estendere le scuse a tutti i tifosi giallorossi e vi auguro il meglio in Champions".

Correlati:

Commenti


Altre notizie