Cane morto in volo United, la compagnia Usa si scusa

Cane morto in volo United, la compagnia Usa si scusa

Una passeggera di nome Maggie Gremminger, seduta dietro la donna con il cane, ha fornito una versione dell'accaduto in contrasto con quanto affermato dalla hostess: "Ho visto un'assistente di volo della United dare indicazioni a una donna affinché posizionasse la cesta con il cane nella cappelliera sopraelevata". Il povero cagnolino è morto perché costretto dall'assistente di volo [VIDEO] a stare sopra la cappelleria, nonostante la proprietaria del cane fosse equipaggiata di un contenitore a norma. Una volta entrati in aereo, un'assistente di volo ha chiesto alla donna di posizionare il suo bulldog francese nella cappelliera sopra la sua testa. "In risposta il membro dell'equipaggio continuava a ripetere di farlo perché dove era stato collocato era un pericolo, si trattava di un'uscita di emergenza", ha raccontato la testimone. Peccato che quello di cui erano in possesso era il loto cane, Kokito.

Non è il primo episodio di decesso di un animale per United Airlines, lo scorso anno infatti la compagnia aerea è stata denunciata dai proprietari di un coniglio morto su di un loro velivolo. La compagnia si è assunta tutte le responsabilità, spiegando, in un comunicato, prima di offrire le più sincere scuse alla famiglia, che si sia trattato di "un incidente che non sarebbe mai dovuto accadere". In base ai dati raccolti dal Dipartimento dei trasporti (Dot), United risulta essere il vettore con il maggior numero di animali deceduti nel 2017: si contano 18 morti e 13 feriti durante il trasporto. Non è il primo animale che muore sui voli United Airlines. Non è la prima volta che le compagnie aeree hanno problemi con gli animali. La notizia di quanto accaduto al cagnolino si è diffusa sui social.

Correlati:

Commenti


Altre notizie