"Malattia X": il virus misterioso che spaventa il mondo

L’Oms lancia l’allarme per la misteriosa “Malattia X” si rischia estinzione di massa

L'Organizzazione Mondiale della Sanità è consapevole infatti che le tecniche di modificazione genetica possono sempre più facilmente creare nuovi agenti biologici letali.

"La malattia X rappresenta la consapevolezza che una grave epidemia internazionale potrebbe essere causata da un agente patogeno attualmente sconosciuto", spiegano gli esperti dell'OMS.

La vita sulla Terra potrebbe essere ridotta ai minimi termini a seguito di un'epidemia incontrollabile causata da un patogeno mutante chiamato genericamente "Disease X", o più semplicemente "Malattia X".

Disease X è il nome del virus segreto che ha cominciato a spaventare tutto il mondo: è stato definito l'ebola del XXI secolo, di cosa si tratta esattamente e come potrebbe scatenare una vera epidemia. Disease X è stato inserito nella List of Blueprint priority diseases del 2018. Questa nuova malattia, secondo il parere degli esperti, potrebbe svilupparsi da una possibile mutazione di tipo biologico e rapidamente diffondersi in seguito ad un incidente di laboratorio o addirittura volontariamente in seguito ad un possibile attacco terroristico.

"L'intensità del contatto animale e umano sta diventando molto più grande man mano che il mondo si sviluppa", ha dichiarato al Telegraph la consulente dell'OMS Marion Koopmans.

Pur non essendo ancora stata scoperta è già una preoccupazione per gli esperti di tutto il mondo.

Malattia X: la malattia misteriosa che potrebbe uccidere milioni di persone. Nella maggior parte dei casi le epidemie si diffondono senza prima essere annunciate, come avvenuto per Zika in Sud America e nei Caraibi nel 2015-2016.

L'allarme sarebbe emerso lo scorso 7 febbraio durante una riunione dell'Oms nella sede di Ginevra per valutare le potenzialità epidemiologiche, sulle più importanti malattie attualmente in atto come l'ebola, la febbre di Lassa, Zika e Sars.

Cos'è la 'Malattia X'. Anche perché le nuove capacità scientifiche tra cui l'editing genetico, specialmente se combinate con i supercomputer odierni, rendono più facile lo sviluppo di armi biologiche rispetto a quando Usa e Urss le hanno sperimentate ai tempi della Guerra Fredda.

Correlati:

Commenti


Altre notizie