Windows 10 S sarà mode con Redstone 4

Surface PRO LTE ora preordinabile per gli utenti finali

Da segnalare infine che su dispositivi di terze parti (quindi esclusi i Surface Laptop), il 60% degli utenti rimane a Windows 10 S, segno che questa edizione è comunque apprezzata in ambiti dove magari non è necessario utilizzare applicazioni esterne.

A confermarlo la stessa società americana che ha fatto sapere di voler sostituire la piattaforma con una nuova modalità denominata Windows 10 S Mode accessibile della sua piattaforma standard (nelle tre varianti Home, Enterprise e Pro).

Microsoft proporrà Windows 10 S come una delle modalità d'uso all'interno dei sistemi Windows 10 tradizionali, permettendo in questo modo agli utenti che ricerchino sistemi meno flessibili ma sulla carta meno soggetti a possibili violazioni dall'esterno di ottenere rapidamente tale risultato.

"Utilizziamo Windows 10 S come opzione per le scuole o le aziende che desiderano una versione garantita con prestazioni ridotte", si legge in un tweet pubblicato da Joe Belfiore, Corporate Vice President, Operating Systems Group di Microsoft.

Possiamo ipotizzare, in mancanza di informazioni ufficiali, che Microsoft possa abilitare la modalità Windows 10 S nelle varie versioni di OS Windows 10 con uno dei prossimi importanti aggiornamenti attesi nel corso del 2018. "Il prossimo anno 10 S sarà una modalità di versioni esistenti, non una versione distinta".

L'obiettivo finale di Microsoft sembra essere quello di rendere Windows 10 Home completamente trasformabile in Windows 10 S senza rimuovere i componenti win32 e senza effettuare un'altra installazione, bensì il tutto si svolge a portata di click. Nello specifico, la versione "S" di Windows 10 (l'iniziale sta per "Semplicity") è apparsa subito un po' limitata dall'impossibilità di far girare le applicazioni scaricate al di fuori dal Microsoft Store.

Correlati:

Commenti


Altre notizie