Usa, sparatoria in una scuola: almeno 17 morti e decine di feriti

Florida uomo apre fuoco in un liceo

Spaventoso massacro in una scuola superiore di Parkland, in Florida: ci sono almeno 17 morti e decine di feriti. Il giovane è stato descritto come un "ragazzo difficile".

Uno dei professori della scuola, l'insegnante di ginnastica, ha scelto di morire da eroe, facendo scudo con il proprio corpo ai suoi alunni per proteggerli dagli spari. Il suo movente resta ancora un mistero ma stando alla ricostruzione dell'Fbi, si era preparato per compiere l'atto criminale. Dopo l'episodio di sangue sarebbe fuggito dalla scuola, ma è stato catturato a pochi chilometri, consegnandosi alle forze dell'ordine senza opporre resistenza. Sembra che il responsabile della strage abbia fatto scattare l'allarme antincendio, in modo da far uscire gli studenti dalle aule e aumentare il numero delle vittime.

Dopo circa un'ora di fuga, è stato arrestato a Coral Springs, una città vicina, e la polizia ha affermato che addosso aveva molte altre munizioni.

È la sesta sparatoria mortale in una scuola degli Stati Uniti, solo quest'anno, e una delle peggiori di sempre: nel 2012 a Newtown, nel Connecticut, furono uccise 27 persone (tra cui 20 bambini).

La sparatoria del liceo di Parkland è la 19esima registrata negli USA da inizio 2018, con le scuole nel mirino di pazzi spesso armati con armi semiautomatiche. Jim Gard, docente di matematica, ha riferito che l'assassino era ossessionato da una ragazza della scuola al limite dello stalking. Sul posto sono giunti anche agenti del Fbi nel campus che si estende per una vasta area: la scuola accoglie infatti circa 3 mila studenti. E si consuma un dramma vissuto gia' troppe volte, con una sparatoria che fa diversi morti - almeno diciassette secondo l'ultimo bilancio - e quattordici feriti, per mano probabilmente di un ex studente.

Sparatoria in una scuola di Parkland, in Florida.

Il presidente Donald Trump è stato subito informato.

Un video girato da uno degli studenti, Matt Walker, che disperatamente cercava un nascondiglio nella classe della Marjory Stoneman Douglas High School dove l'autore della strage ha cominciato a sparare. I dati sono quelli di Everytown For Gun Safety, associazione che si batte per un maggior controllo sulla vendita delle armi da fuoco.

Correlati:

Commenti


Altre notizie