Migranti, Frontex: 4.800 arrivi a gennaio, ma trend resta in calo

Migrazioni, oltre 8mila gli arrivi in Europa a gennaio

Sono 4.731 i migranti sbarcati in Italia nel 2018, dal primo gennaio ad oggi, il 50% in meno dello stesso periodo dello scorso anno, quando gli arrivi erano stati 9.448. Secondo i dati operativi di Frontex, fino ad ora, a febbraio, circa 250 migranti irregolari hanno raggiunto le coste italiane" facendo registrare "una diminuzione del 95% in confronto al totale dei primi dodici giorni del febbraio 2017.

Anche il Viminale ha diffuso nuovi dati sugli arrivi dei migranti in Italia. È vero che negli ultimi mesi gli sbarchi sono diminuiti moltissimo - sostanzialmente grazie all'accordo del governo italiano con le milizie che controllano le città libiche da cui partono i barconi e al supporto dato dall'Europa e dall'Italia alla guardia costiera libica - ma anche che i numeri di gennaio 2018 non sono così diversi da quelli di gennaio 2017.

Il numero di migranti arrivati in Italia attraverso la rotta del Mediterraneo centrale è salito a gennaio a più di 4.800, il doppio rispetto al mese precedente, quando le attività dei trafficanti sono state condizionate da combattimenti vicino alle aree di partenza e dalle cattive condizioni meteorologiche. Quanto al programma di relocation, sono stati quasi 12mila, al 9 febbraio scorso, i migranti 'ricollocati' in altri Paesi europei. Rispetto a un anno fa, il 7% in meno. Per prima cosa, possiamo dire che Frontex ha ragione: a gennaio del 2018 gli arrivi sono stati circa 4.800, più del doppio rispetto a dicembre 2017. "Il numero dei migranti irregolari arrivati in Italia resta in un trend generale in calo, iniziato nell'estate del 2017 - si legge nella nota -". Sulla rotta dei Balcani occidentali infine si sono registrati 300 arrivi. Ancora, "a gennaio, il numero di migranti irregolari che percorrevano la rotta del Mediterraneo orientale, raggiungendo principalmente le isole greche, è sceso del 43% dal mese precedente: 1.850". I siriani e gli iracheni erano le nazionalità più rappresentate su questa rotta.

Correlati:

Commenti


Altre notizie