Sanremo 2018, Claudio Baglioni presenta Michelle Hunziker e Favino: prime dichiarazioni ufficiali

Mika:

Durante la conferenza stampa di presentazione dell'edizione della kermesse più famosa della canzone italiana, Favino ha detto: "Per me è una cosa nuova, un nuovo battesimo". Per avere un'idea del giro di soldi che gravitano intorno al Festival, basti pensare che le entrate pubblicitarie sono di circa 25 milioni di euro, mentre le spese ammontano a 16 milioni e mezzo. Ha ammesso che sarà un Festival del tutto diverso e che per la par condicio non è prevista sul palco la presenza di politici e candidati ad eccezione del sindaco della cittadina rivierasca o quelle figure istituzionali legate alla convenzione Rai-Comune di Sanremo. Ho scoperto di fare il Festival prima dai giornali e poi è arrivata la chiamata di Claudio.

Nella giornata di oggi si è tenuta, finalmente, la conferenza stampa di Sanremo 2018.

Ormai manca meno di un mese al sessantottesimo Festival di Sanremo: l'edizione 2018 infatti, si terrà dal 6 al 10 febbraio nella città ligure, come di consueto al Teatro Ariston.

Michelle Hunziker, peraltro non nuova al palcoscenico festivaliero, è apparsa già in grande forma e sicuramente ha il merito di piacere - come si diceva una volta - a grandi e piccini. Hanno partecipato, oltre ai dirigenti Rai, anche il direttore artistico Claudio Baglioni insieme a Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino. Cifre da capogiro quindi per un festival, che negli anni, è diventato una vera e propria istituzione all'interno della televisione italiana.

"Io li confermo tutti, vediamo se lo confermano loro"- ha rivelato ironicamente Claudio Baglioni, che ha poi continuato dicendo: "Gli ospiti hollywoodiani non hanno portato grande performance artistiche sul palco dell'Ariston, per loro venire a Sanremo era come fare delle 'vacanze romane', penso che di tanti interventi si possa fare a meno". Un Sanremo 2018 senza eliminati: "Che cos'è la canzone?" "Mi piacerebbe - ha aggiunto la conduttrice - portare al Festival un momento dedicato alla forza delle donne e al senso di squadra non in maniera retorica ma speranzosa". "Già a cinque anni sognavo di appartenere a quel mondo, l'ho fatto in un altro modo, adesso mi è stata offerta questa opportunità".

Correlati:

Commenti


Altre notizie