Pompei, 25 indagati per la morte del parrucchiere dei Vip

Muore in ospedale il parrucchiere dei Vip: aperta un'inchiesta

A soli 45 anni, lo scorso giovedì, è finito l'hair stylist Umberto Schettino, uno dei più apprezzati parrucchieri della Campania. Sul caso indaga la Procura di Salerno.

Il pm Roberto Penna ha aperto così un fascicolo e non è escluso che possa disporre l'autopsia: un esame che servirà a fornire ulteriori dettagli sulla morte del 45enne e stabilirà se vi siano eventuali responsabilità da parte dei medici che lo hanno assistito durante i suoi ricoveri.

Questa la considero una parentesi dove mi ha fatto capire che trascurare o sottovalutare alcune cose porta inevitabilmente ad allungare i tempi. Secondo quanto raccontato dalla donna infatti Umberto si era presentato al pronto soccorso del Ruggi per una malattia cardiaca, da qui gli accertamenti e la dimissione con relative cure a casa. Le sue condizioni non miglioravano però. Ritornato al Pronto soccorso del San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona di Salerno, Schettino fu trasferito presso la Cardiologia dello stesso nosocomio e fu ricoverato per una settimana.

Nello scorso mese di novembre, Schettino si era rivolto al Ruggi per una presunta malattia cardiaca: poi la situazione è precipitata, fino al decesso dell'altro giorno, dopo l'ultima aspirazione di liquido dai polmoni. Tra sabato e domenica scorsa le sue condizioni si sono aggravate e il sui medico curante gli avrebbe consigliato un nuovo ricovero a Salerno. Dopo una prima cura antibiotica, fu sottoposto all'aspirazione del liquido dai polmomi ma nella stessa notte si aggravò e fu disposta una Tac al torace con esame batteriologico. L'uomo era un noto parrucchiere della zona, benvoluto e stimato da tutti, aveva un grande salone meta di personaggi famosi e non, da qua il soprannome "parrucchiere dei vip".

Correlati:

Commenti


Altre notizie