Lega Nord, Roberto Maroni non si ricandiderà in Lombardia

Lombardia, Maroni lascia?

Lo dice, in una intervista alla Stampa, Attilio Fontana, ex sindaco leghista di Varese, che sostituirà Roberto Maroni nella corsa alle Regionali in Lombardia.

"Sono a disposizione, so governare" ha detto. Sono soddisfatto di tutto quello sono riuscito a fare in questi anni. Attilio Fontana è persona di buon senso: di lui, quando era sindaco di Varese, si ricordano numerosi interventi sui media, ma mai con toni accesi. "Una decisione condivisa tempo fa con Salvini e Berlusconi" ha aggiunto, prima di precisare che la scelta non sarebbe da imputare a motivi di salute. Non solo perché l'ormai governatore uscente aveva la vittoria in tasca, mentre ora si riaccende la competizione con la sinistra per il Pirellone, ma perché il suo passo indietro viene interpretato come una prova d'intesa con l'alleato-nemico Berlusconi per un eventuale prossimo governo di centrodestra. Sono stati anni intensi di lavoro condiviso e coordinato, nei quali la nostra regione è cresciuta nella ricerca, negli investimenti, nel lavoro, nella scuola, in tutti i comparti della società.

L'inattesa uscita di Maroni apre nuovi scenari anche in relazione alla lista (cui anche Del Gobbo dovrebbe aggregarsi, in veste di leader) che avrebbe dovuto aggregare centristi e Lista Maroni a sostegno di Lega e centrodestra.

Quindi l'ex premier ha parlato della coalizione a 4 che vede Fi insieme a Lega, FdI e quarto polo: "A dispetto di chi spera nelle divisioni, io credo che noi diamo una garanzia di unità". Maroni, dopo essere stato più volte ministro nei governi Berlusconi, nel marzo 2013 vinse il confronto per la presidenza della Regione contro l'avvocato Umberto Ambrosoli.

Il presidente della Lombardia Roberto Maroni. Il presidente della Lombardia ha infatti ufficializzato alla stampa che non si ricandiderà alla guida della regione, ufficialmente per "motivi personali". A una precisa domanda in merito, ha risposto: "Non ho pretese e richieste da fare alla politica, sono comunque a disposizione se venisse richiesto". Meglio ascoltarlo, allora. "Con la politica ho una lunga storia d'amore, fatta di passione, di sfide, di successi e come tutte le vere storie d'amore che non finiscono mai, rimane" premette Maroni. Di sicuro Roberto Maroni scriverà il programma della Lega sulle autonomie insieme al Governatore veneto Luca Zaia.

Correlati:

Commenti


Altre notizie