Koulibaly: "Lo scudetto? Silenzio, a Napoli siamo superstiziosi"

Kalidou Koulibaly Napoli Serie A 2016/17

Ci ha aiutato molto, soprattutto sul piano tattico, a comprendere il calcio italiano. Quanto è stata digerita l'eliminazione prematura dalla Champions? Sicuramente una delusione, parlando di una competizione importante. Proveremo a vincere tutte le partite e alla fine vedremo cosa Dio ha riservato per noi. Siamo sulla buona strada, giochiamo bene e ci divertiamo in campo. "Il primo anno è stato di adattamento, con l'arrivo di Sarri sono migliorato tantissimo". Grazie a lui ho imparato tanto sotto tutti i punti di vista ed ogni giorno ti insegna una cosa nuova. Ghoulam? Siamo amici dentro e fuori dal campo, è il mio compagno di stanza, ha ragione Sarri, la sua assenza è un deficit per la squadra, perché è un leader. I suoi insegnamenti si sono visti su di noi.

Napoli però può stare tranquilla: Koulibaly per il momento non si muove. Sei felice per questo?

"Le cose stanno andando benissimo, siamo ripartiti su quanto di buono fatto nella scorsa stagione". Lo Scudetto? Meglio non parlarne prima, a Napoli si è molto superstiziosi. Se vuoi raggiungere obbiettivi importanti bisognava rinnovare il contratto di Ghoulam e la società non si è tirata indietro " Su Adam Ounas cosa ci dici? "Vogliamo continuare così e vincere più partite possibili". Deve solo imparare le cose bene qui in Italia, il campionato italiano è diverso dagli altri. Si è visto che è ancora acerbo sotto alcuni punti di vista, ma è innegabile che abbia tanta qualità. In allenamento proviamo a fare dei contatti di gioco fisici perchè deve capire cosa lo aspetta.

Oggi il centrale franco-senegalese è un pilastro degli azzurri, ma la sua è stata una crescita costante con la maglia del Napoli. La nostra squadra è composta da grandissimi campioni: Marek, Mertens e Insigne sono tra i migliori con cui ho giocato, anche Ghoulam per me è il miglior terzino sinistro del mondo.

Correlati:

Commenti


Altre notizie