Grasso: "M5S ondivago, su intesa valuteremo"

Elezioni 2018, Grasso:

Con un'avvertenza: "Dovrò porgere il petto, e a volte anche le spalle, di fronte agli attacchi che verranno e questo lo metto in conto", dice intervistato su Sky da Maria Latella. "Noi cerchiamo di recuperare i voti che ha perso Renzi, che era partito dal 40% e ora è al 20%". Ma poi precisa che non è un uomo solo al comando: "Io sono a capo di un gruppo dove c'è il pluralismo. Ed ho ottimi rapporti con tutti e pure con D'Alema".

"Dopo il voto valuteremo la situazione: Il M5s è però così ondivago che non riusciamo a capire le sue politiche: un giorno è per l'euro, un giorno apre alle alleanze, un giorno è per l'Europa un giorno no. Quando riuscirà a dare l'esatta valutazione alle sue politiche forse anche noi potremo fare delle valutazioni". Così la presidente della Camera, Laura Boldrini, sulle frizioni con il leader di LeU sulle alleanze. "Nessun problema, comprendo Boldrini ma decide qualcun altro".

Poi Grasso si è soffermato sul tema delle Regionali.

Di altrettanto certo c'è il 'no' a un governo con Forza Italia: "non è che lo escludo io, ma le nostre politiche che non potranno mai essere compatibili. Nonostante tutto è stata convocata un'assemblea che ha confermato la mancanza di presupposti", spiega Grasso. E sulla diversità di politiche tra LeU e il candidato Pd ricorda: "Gori, ad esempio, ha appoggiato il referendum autonomista promosso da Maroni".

"Ha fatto bene il presidente Grasso a sottolineare il carattere pluralistico della nostra formazione. La condizione per qualsiasi alleanza è che ci sia una svolta verso la giustizia sociale".

Correlati:

Commenti


Altre notizie