Prende figlia con auto blu, consigliera M5S si autosospende

RestitutionDay a Torino 102mila euro per i volontari anti-incendi

Non ci gira intorno Luigi Di Maio il candidato leader del M5s interpellato sul caso della consigliera comunale Deborah Montalbano "denunciata" da un autista di Palazzo Civico per aver usato l'auto di servizio per andare a prendere la figlia a scuola.

Così come riporta l'edizione di Torino del Corriere della Sera, l'episodio è testimoniato da una relazione dell'autista che ha accompagnato la consigliera comunale nel suo viaggio. All'arrivo mi disse di attenderla, passati dieci minuti tornava con una bambina, facendola salire sull'auto mi chiedeva di fare ritorno a Palazzo Civico, perché aveva impegni istituzionali. "Si, sempre". La consigliera ha inoltre dichiarato che le motivazioni dell'utilizzo eccezionale sono già state spiegate. Mi ha detto di sì. "Si, sempre" scrive la Montalbano che prosegue: "Per il ruolo che ricopro, per l'impegno che mi sono presa con gli elettori del Movimento 5 Stelle mi sento in dovere di prendermi la responsabilità dell'accaduto e, quindi, di rassegnare le dimissioni da presidente della IV commissione".

DIMISSIONI - "E sbagliato utilizzare un'auto blu per scopi personali, qualunque essi siano?" Parole che ora mettono nei guai la consigliera pentastellata, già attivista storica del Movimento Cinque Stelle e rappresentante dei comitati per la casa. "Ti auguro buona giornata", ha scritto un amico social della consigliera Renato Miritello. Il secondo problema è che la macchina del fango subita dalla consigliera, che è evidentemente partita all'interno del MoVimento 5 Stelle, serve a mettere in difficoltà una voce critica nei confronti dell'amministrazione Appendino. In un primo momento la donna aveva detto: Vogliono cacciarmi, mi caccino.

Nella serata di giovedì, il senatore del Pd Stefano Esposito, sempre in un post su Facebook, se da un lato aveva smorzato i toni, giudicando l'episodio "nulla di scandaloso", dall'altro aveva invitato i compagni di partito a "non grillinizzarsi".

Correlati:

Commenti


Altre notizie