Laura Boldrini e la fake news sul nipote che gira su Whatsapp

Laura Boldrini ospite a Otto e mezzo

La presidente di Montecitorio parla anche delle alleanze in vista delle elezioni regionali che si terranno insieme alle politiche il prossimo 4 marzo. E aggiunge: "Mia opinione su presidenza Zingaretti nel Lazio? Non fatevi ingannare da certe bufale, da chi per guadagnare soldi e gettare fango sugli altri approfitta della vostra buona fede", ha scritto Boldrini su Facebook chiedendo di far girare la replica con lo stesso linguaggio utilizzato da chi la attacca: "Massima condivisione".

Basterebbe fermarsi a pensare per capire che siamo di fronte a una bufala, ma spesso chi costruisce le fake news sa come alimentare la rabbia e solleticare gli istinti peggiori, facendo cadere nel tranello molte persone. Non è la prima volta che è vittima di catene di sant'Antonio false. "Sia chiaro io denuncio, perché in uno stato di diritto esiste la giustizia" ha poi incalzato l'esponente di Liberi e Uguali, ospite di Lilli Gruber.

Una battaglia difficile da combattere quella contro i mulinelli a vento del 'ballometro' che sta caratterizzando la campagna elettorale.

"Io dico libere- spiega Boldrini- perché sono donna".

"Quando tutta questa rabbia e questa meschinità deflagreranno, le menzogne e le diffamazioni che Laura Boldrini ha dovuto fronteggiare in questi anni si paleseranno per quello che sono - ha aggiunto -: il segnale di un imbarbarimento che non siamo stati capaci di comprendere e di cui non siamo stati in grado di prevedere le conseguenze".

"Vogliamo che l'Italia diventi una smart nation, cioè un Parse più efficiente, più veloce, che si basa sull'innovazione e sullo sviluppo tecnologico, e tutto questo non possiamo immaginare di farlo senza il contributo di chi, nel nostro Paese, ha idee innovative e produce".

Infine sul caso molestie, Boldrini critica il leader di Fi, Silvio Berlusconi: "Non si può buttarla a tarallucci e vino facendo finta che sono cose su cui ci si può ridere sopra".

Correlati:

Commenti


Altre notizie