Gori, mio avversario è sceso dal ring

20180108_164200_205080C6

Mercoledì a Sesto San Giovanni (Milano) si terrà l'assemblea regionale di Leu con Grasso e in quell'occasione, spiega Rosati, si saprà chi è "il candidato presidente". "Sono certo che sarà un degno successore". Dietro ai "motivi personali" ci sono tutti i fallimenti della sua giunta: 5 anni di ordinaria amministrazione costellata da mancanze e scivoloni - dagli sprechi del referendum, al telefono antigender, senza tralasciare i continui errori in ambito sanitario e ambientale, giusto per citare i più recenti. Fin dal suo segretario. Occorre far in modo che possano spendere il loro tempo nello studio della lingua e nell'imparare una professione per poi svolgerla. "Siamo convinti che questo impegno, che parte da lontano, farà la differenza" ha aggiunto Alfieri. "In questi mesi, ogni giorno, ho lavorato sul nostro progetto, mi sono preparato, ho studiato, immaginando di dovermi confrontare con lui - scrive su facebook il sindaco di Bergamo - Una sfida tosta, mica una passeggiata, che nonostante i pronostici ho però sempre pensato di poter giocare fino in fondo". Dal Pd arriva l'invito a Liberi e Uguali guidato da Libero Grasso di sostenere Gori. L'ho già fatto, quindi per cortesia si smetta di dire che 'Maroni sarà nel governo'.

Gori racconta di aver saputo della rinuncia già da ieri sera perché ha telefonato all'ex ministro leghista: "Mi ha esposto le sue motivazioni che ovviamente per correttezza non riferirò". In Lombardia si può (si deve) fare molto di più, molto meglio di quanto ha fatto il centrodestra, soprattutto negli ultimi anni.

Correlati:

Commenti


Altre notizie