Detrazioni per studenti con DSA nella Legge di bilancio 2018

Con il 2018 arrivano le detrazioni per i mezzi pubblici

Così, ad esempio, se si intende conservare digitalmente a norma la dichiarazione annuale dei redditi 2017 (riferita all'anno d'imposta 2016), essendo la predetta dichiarazione un documento formatosi e trasmesso telematicamente nel corso dell'anno 2017, il termine ultimo di scadenza per la relativa conservazione coinciderà con il terzo mese successivo al termine di presentazione delle dichiarazione dei redditi relativa all'anno d'imposta 2017, ossia il 31 gennaio 2019. Novità introdotte anche per ecobonus e ristrutturazioni edilizie. Ecobonus singola unità: quando scende al 50% La detrazione è ridotta al 50% per le spese, sostenute dal 1º gennaio 2018 al 31 dicembre 2018, relative a: - acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi; - acquisto e posa in opera di schermature solari; - sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a biomassa e caldaie a condensazione con efficienza pari alla classe A di prodotto prevista dal Regolamento delegato (VE) N. 811/2013; - acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, fino a un valore massimo della detrazione di 30mila euro.

C'è anche il bonus verde, in vigore da quest'anno, che consente di detrarre il 36% per cento delle spese effettuate per terrazzi e giardini.

Grazie al nuovo incentivo inserito nella manovra 2018, si potranno ristrutturare balconi, cortili e giardini come anche l'acquisto di piante, impianti di irrigazione e le spese di manutenzione e progettazione avvalendosi della detrazione del 36% sull'Irpef.

Va subito chiarito che il cosiddetto bonus verde non è applicabile ai lavori di rifacimento del tetto.

Il pagamento delle spese, per poter usufruire della detrazione, deve essere effettuato attraverso strumenti idonei a consentire la tracciabilità delle operazioni. Anche in questo caso gli importi saranno restituiti in dieci anni con rate annue massime da 180 euro fino a 1800 euro complessivi. Se tali interventi riguardano anche il miglioramento della prestazione energetica invernale ed estiva hanno diritto ad una agevolazione maggiore pari al 75%. A questi lavori sarà riconosciuta una detrazione dell'80% se determinano il passaggio a una classe di rischio inferiore, e dell' 85% in caso di passaggio a due classi di rischio inferiori.

Superbonus dall'80% all'85% per i condomini situati nelle zone sismiche 1,2 e 3 che, oltre alla riqualificazione energetica, effettuino interventi atti alla riduzione del rischio sismico. L'ammontare massimo della spesa non dovrà superare i 136mila euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari del condominio. Se invece sono 20 gli alloggi, si potranno spendere fino a 100 mila euro.

Correlati:

Commenti


Altre notizie