Bellomo cacciato dal Consiglio di Stato

Francesco Bellomo destituito/ Decisione Consiglio di Stato dopo accuse di molestie: era la sanzione più grave

L'adunanza del Cds ha quindi votato a favore del parere "conforme" alla decisione del Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa (Cpga), dello scorso 27 ottobre, per la destituzione di Bellomo. I colleghi hanno deciso di cacciarlo senza tanti complimenti.

Secondo quanto si apprende, la destituzione (il provvedimento più grave, tra quelli previsti) è stata votata quasi all'unanimità, a seguito di poco più di due ore di consiglio.

L'avvocato porcellone organizzatore di corsi e concorsi, non potrà più farne, almeno nell'ambito del Consiglio di Stato.

Bellomo è sotto procedimento disciplinare per la vicenda legata alla scuola per aspiranti magistrati da lui gestita e per le accuse di pressioni e molestie su alcune borsiste.

Sulle vicende che hanno portato il Consiglio di Stato alla decisione di oggi, diverse procure hanno aperto indagini nelle quali si ipotizzano reati che vanno dall'estorsione, alle minacce. Il giorno successivo, il 12 gennaio è già fissata la prima seduta del CPGA, l'organo di autogoverno della magistratura amministrativa, che dovrà "ratificare" il parere adottando la delibera di destituzione.

Correlati:

Commenti


Altre notizie