Serena Mollicone: nuovo indagato 16 anni dopo il delitto, è un carabiniere

Omicidio Serena Mollicone news: c'è un nuovo indagato, ecco di chi si tratta

Oltre al maresciallo Mottola, al figlio e alla moglie, nel registro degli indagati è stato iscritto un carabiniere che all'epoca del delitto prestava servizio presso la Stazione di Arce.

L'uomo è stato ascoltato dal magistrato negli uffici della Procura della Repubblica di Cassino, ma si è avvalso della facoltà di non rispondere; l'ipotesi di accusa, per lui, è di concorso esterno in omicidio.

Parallelamente non si fermano le indagini sulla morte del carabiniere Santino Tuzi, trovato cadavere nella sua auto nel 2008 ucciso da un colpo partito dalla sua pistola d'ordinanza.

Si tratta di uno dei carabinieri di turno alla caserma di via Valle, dove la giovane è stata vista entrare prima di scomparire nel nulla ed esser ritrovata morta. Due giorni dopo fu trovata nel boschetto dell'Anitrella senza vita con mani e piedi legati e una busta di plastica in testa.

Serena Mollicone sarebbe morta soffocata dal nastro adesivo dopo aver riportato un trauma cranico (che ha coinvolto l'arcata zigomatica e l'occhio sinistro) provocato da "un unico forte impatto contro una superficie ampia e piana". La perizia, come spera anche Guglielmo Mollicone, il papà di Serena, potrebbe presto portare all'attesa svolta. "Pertanto si può evincere che la lesione alla porta sia stata prodotta da un oggetto simile al versante sinistro del cranio di Serena Mollicone o dal suo stesso cranio".

C'è un quarto indagato per l'omicidio di Serena Mollicone, la 18enne uccisa nel giugno del 2001 ad Arce, in provincia di Frosinone. In tutto sono quindi 4 i soggetti indagati per l'omicidio della ragazza.

Correlati:

Commenti


Altre notizie