Lo scontro sulle Banche. Anche Zonin e Consoli testimoni in parlamento

ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE

La decisione è stata presa nonostante la contrarietà di Casini, che già nei giorni scorsi aveva sostenuto che sul dossier Etruria non fossero necessarie altre audizioni.

Particolarmente agitate sono le acque che hanno accompagnato l'odissea di Banca Veneto che nel 2016 aveva registrato perdite per 1,5 miliardi. Quello che scrive De Bortoli non è vero - ha insistito - ho incontrato Ghizzoni ma negli incontri avuti, che erano pubblici, come rappresentante del governo, è vero che ci sono state discussioni su sistema e anche sulle problematiche del mondo bancario, ma da questo non si può arrivare a dire che io ho fatto pressioni su Unicredit.

Nonostante la contrarietà di Casini sarà ascoltato sulle presunte pressioni della Boschi per salvare Etruria.

L'ufficio di presidenza della commissione parlamentare d'inchiesta sulle banche ha deciso all'unanimità di convocare in audizione anche l'ex amministratore delegato di Unicredit Federico Ghizzoni, l'ex amministratore delegato che, secondo quanto scritto dal giornalista Ferruccio De Bortoli nel suo ultimo libro, sarebbe stato contattato dall'allora ministra Maria Elena Boschi per un eventuale salvataggio di Banca Etruria sull'orlo del crac. Inoltre, uno dei vicepresidenti della commissione, il forzista Renato Brunetta, dichiarava oggi: "Non penso sia disdicevole per un ministro prendersi cura delle sorti di una banca che sta sul suo territorio".

La commissione d'inchiesta sentirà entro il 22 dicembre anche Gianni Zonin e Vincenzo Consoli malgrado la resistenza del presidente Pier Ferdinando Casini. Due le ipotesi sulle audizioni degli ex vertici di Banca popolare di Vicenza e Veneto Banca: o ascoltarli con riprese video dirette o consentire solo la consultazione dei verbali. Brunetta anticipa che "in caso di necessità ci potrà essere una seduta anche il 23 e, per esigenze estreme, anche nella settimana dopo Natale".

Ora sarà necessario capire se gli interessati, in particolare Consoli e Zonin, accetteranno di rispondere in commissione.

Correlati:

Commenti


Altre notizie