Roma, De Rossi: "Partita complessa, ma gran risultato"

Daniele De Rossi

No no. Io sono venuto qui per lavorare per la Roma, per portare successi e soddisfazioni.

Lo striscione in Curva Sud. Mi ha fatto molto piacere, in ogni momento di difficoltà loro sono sempre stati chiari e fermi nello schierarsi dalla mia parte.

E su Spalletti, preso di mira anche da Perotti: "Spalletti qualche casino a Roma lo ha fatto l'anno scorso". Mi ha cercato in passato?

"Mi trovate impreparato: buona sera!"

E' la partita più importante? A dirlo sono i numeri: se è vero che in questa Serie A saranno cruciali gli scontri diretti tra le prime quattro in classifica, è altrettanto vero che non ci si possono permettere intoppi con tutte le altre. Bene o male siamo questi, è uno dei nostri punti di forza. Ci è già capitato di passare la fase a gironi, abbiamo battuto Real Madrid e Lione agli ottavi, ma andare avanti in un girone del genere, di grande spessore, non me lo ricordo. "Quello di domani e' un passaggio fondamentale per la nostra dimensione europea". Alla domanda su quali possono essere le maggiori rivali nella lotta allo Scudetto, l'ex trainer del Sassuolo ha così risposto ai giornalisti presenti in sala stampa: "Questo è un argomento che mi interessa relativamente".

"Sapevamo che sarebbe stata difficile, è stato complicato ma tutti sognavamo questo finale che forse nessuno si auspicava". Avevamo un bel rapporto, prima che se ne andasse nel 2009. Ne abbiamo risentito un pò tutti. Ho sempre detto che vorrei smettere prima di iniziare a non farcela più, a non divertirmi più.

Lo stadio della Roma. "La prossima è davvero molto importante". Nel 2021 avrò 38 anni, mi sembra un po' difficile. Ora sto bene, ma dire non smetto finché non vinco sarebbe da folli. Ho fatto un discorso sul gran lavoro che ha fatto Spalletti con noi.

Correlati:

Commenti


Altre notizie