Arrestato capo ultrà della Juve: deve scontare 13 anni e 11 mesi

Tifosi juventus

Finisce in carcere Loris Giuliano Grancini, capo dei Viking, il gruppo ultras della Juventus. Nei suoi confronti i militari hanno eseguito un'ordinanza per un cumulo pene di 13 anni e 11 mesi.

Come riportato dal Corriere della Sera, l'episodio risale al 5 ottobre 2006, in piazza Morbegno, dietro la stazione centrale di Milano: Pasquale Romeo, condannato in abbreviato come esecutore materiale, sparò due colpi di pistola a un uomo, dopo una lite scoppiata in un locale. In seguito, secondo gli inquirenti, il 44enne minaccia e ferisce con una coltellata al polpaccio anche un amico della vittima, Antonio Genova, aggredito davanti a un bar ritrovo di tifosi bianconeri, perché non testimoniasse contro di lui. Il capo ultras era già stato destinatario di un Daspo di 4 anni per istigazione a delinquere, grazie ad una serie di elementi raccolti dalla Digos.

Correlati:

Commenti


Altre notizie