Stadio Roma, UFFICIALE: via libera dal Comune per la costruzione

Stadio Roma: al lavoro su prescrizioni

"Anche se mi rendo conto che in Conferenza dei Servizi - specifica il capo dello sport italiano a margine dell'edizione 2017 di 'Welfare, Italia' andata in scena a Roma - gli attori sono molti e ormai da funzionario della Pubblica Amministrazione mi sono fatto una discreta conoscenza della materia, ma spero e mi auguro che tutti gli elementi di criticità siano stati superati". Ci siamo trovati di fronte ad un lavoro complesso, molto spesso abbiamo trovato pareri contraddittori e posizioni che via via, in modo comprensibile o meno, hanno determinato cambiamenti di parere. Si chiude una fase lunga, ringrazio gli uffici della Regione che hanno svolto con serietà e trasparenza un lavoro difficile. La Regione Lazio, infatti, ha preteso e ottenuto l'impegno a prevedere la realizzazione del Ponte di Traiano, "anche per aumentare la sicurezza per ragioni quindi precauzionali". Non vedo difficoltà a trovare i fondi.

Oltre alla questione viabilità, nelle ultime due settimane sono cadute anche le questioni in sospeso che preoccupavano i sostenitori del progetto, ovvero i vincoli delle opere architettoniche che formavano il vecchio ippodromo di Tor di Valle. Non è andato deluso.in merito alla decisione della Conferenza dei Servizi della Regione Lazio sul progetto 'Stadio della Roma'.

I tempi e i prossimi passiOvviamente, l'ok della conferenza dei servizi è fra i passaggi decisivi, ma per la prima pietra e, soprattutto, per il primo fischio d'inizio, dovrà passare ancora molto tempo. "Il nostro progetto - aggiunge - rappresenterà un elemento di crescita per la città".

Esulta il presidente giallorosso, che parla di "giornata cruciale per Roma e per la Roma". Ringrazio la giunta comunale, il Sindaco Raggi che, dopo aver ottenuto la modifica del progetto, ha mostrato coerenza e determinazione nel portare l'iter al termine velocemente. "Verificheremo poi come verrà rispettata la delibera che obbligava ad avere almeno la metà degli spettatori in arrivo con i mezzi pubblici, perché di mezzi pubblici in più non se ne vede l'ombra".

Correlati:

Commenti


Altre notizie