Renzi: "In bocca al lupo a Grasso, ma temo comanderà D'Alema"

Sinistra D'Alema appello all'unità tardivo e incoerente

Adesso non ripartiamo da zero. "Molti di quelli che erano amici perché ero premier mi hanno voltato le spalle" ma altri "sono rimasti compagni di strada", ha ricordato segretario del Pd a Rtl. Abbiamo scelto tutti, io con voi, di non mollare anche se qualcuno di noi aveva voglia di farlo. Dunque, per scongiurare questo pericolo, spiega Renzi, "dovremo organizzarci bene, noi, rovesciando il modello del referendum e mettendo al centro della piramide la base". "E per questo mai come adesso abbiamo bisogno di voi e del vostro coraggio", prosegue Matteo Renzi. Ci sono 61.597 seggi elettorali in Italia.

Le intenzioni di voto che andiamo a vedere oggi sono piuttosto significative, perché arrivano più o meno ad un anno dal referendum costituzionale del 4 dicembre 2016 (e stasera, come ogni lunedì, avremo anche i sondaggi elettorali del Tg La7). Con il leader di Forza Italia, ha aggiunto, "con la filosofia del buonsenso avevamo provato a fare delle cose insieme, un patto che Berlusconi ha deciso di rompere". Infine, nella enwes, il segretario Pd annuncia quale sara' la parola d'ordine della prossima campagna elettorale: "Io penso che dobbiamo continuare a rappresentare la speranza contro la rabbia". L'espressione giusta della nostra campagna dovrebbe essere: "Yes, we care".

"Mi piace discutere delle cose concrete, non dei leader o delle caratteristiche personali", ha aggiunto, sottolineando che "il Pd non ha solo il segretario: c'è una squadra fatta di tante personalità" da Gentiloni, a Minniti, a Delrio, "e sono convinto che saremo in grado di fare un bel risultato alle elezioni, poi decideremo cosa fare dopo" il voto. Prendersi cura e dare delle opportunita', valorizzare il merito e garantire gli ultimi.

Correlati:

Commenti