Caso biglietti Agnelli, sentenza Corte d'Appello entro 18 dicembre. Coppi: "Sono ottimista"

Juventus, processo d'appello sulla compravendita dei biglietti: sentenza entro il 18 dicembre

Esce tre ore dopo, i romani sono già a cena, le strade finalmente libere, anche l'ultimo volo per Atene andato.

Raggiunto dai cronisti al termine dell'udienza tenutasi nella giornata di ieri, Franco Coppi, avvocato della Juventus, ne ha commentato l'esito: "La Corte si è riservata la decisione entro il 18 dicembre, si è svolta una discussione tra accusa e difesa". Se sono ottimista? Lo sono per natura.

Dopo aver appreso che per il caso biglietti-ultrà la Corte d'Appello della Figc deciderà entro il 18 Dicembre ripercorriamo in breve la vicenda. Uno degli indagati "eccellenti", tra quelli che sono ingranaggi fondamentali dello Stato, è molto indispettito per essere stato toccato dall'inchiesta, e sta facendo venire fuori che tutti gli steward presenti in piazza quella sera erano della Juventus, solitamente gestiti dal capo della sicurezza bianconero, Alessandro D'Angelo (uomo di fiducia di Andrea Agnelli). È un processo ricco di materiale da esaminare (circa 1200 pagine, ndr) e loro hanno ribadito le richieste iniziali. Il Tribunale accogliendo l'accusa mossa dal Procuratore Pecoraro di bagarinaggio, aveva deciso di condannare con una inibizione di 12 mesi e una multa di 20mila euro il presidente Andrea Agnelli, così come Calvo (ex direttore commerciale della Juve) e Merulla ( ex responsabile del ticket office dei bianconeri) e la società ad una ammenda di 300mila euro.

Successivamente a quella sentenza entrambe le parti, gli accusatori e gli accusati, non reputatisi soddisfatti avevano deciso di ricorrere in Appello.

Oggi è ripreso il processo d'appello del caso che ha coinvolto la Juventus in merito alla compravendita dei biglietti per lo Stadium.

Correlati:

Commenti


Altre notizie