Mattarella, Università Udine forte rapporto con territorio

Il Presidente Sergio Mattarella a Udine

"È inserita nelle attività di avanguardia del paese, guarda al futuro".

Prima della cerimonia di inaugurazione, Mattarella ha salutato Stefania Collavin, vedova di Cristian Rossi, l'imprenditore di Reana del Rojale vittima nel 2016 della strage di Dacca, in Bangladesh, assieme al friulano Marco Tondat e altri sette connazionali. Spiegando che pochi atenei hanno un legame così forte e intenso con il proprio territorio come quello udinese, il presidente della Repubblica ha rimarcato che l'università è nata dopo il terremoto ed è stata un "elemento propulsore della ricostruzione", chiarendo che il ruolo dell'ateneo "è stato decisivo per la ricostruzione e il rilancio del territorio". Ieri, al Teatro Nuovo, sono corse parole sentite per i 40 anni dell'Università del Friuli, non forzate e men che meno di circostanza. "Lo si è visto anche nella presenza in città di molte sue sedi".

"Oggi, al termine di una crisi finanziaria e di valori che ha stravolto le nostre comunità, l'università deve poter essere protagonista nel costruire un futuro di progresso e benessere. Compito dell'Amministrazione regionale è saper ascoltare la comunità universitaria, accompagnandola con azioni concrete di sostegno", ha concluso Bolzonello. Il metro, ai cronisti, l'ha data un.

Correlati:

Commenti


Altre notizie